Cerca

Cerimonia commemorativa

Anniversario della strage di Capaci, Sergio Mattarella: "Batteremo la mafia"

Anniversario della strage di Capaci, Sergio Mattarella: "Batteremo la mafia"

"Giovanni Falcone ebbe il grande merito, con coraggio e determinazione, di istruire il primo maxiprocesso contro la mafia". Lo ha ricordato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento oggi, sabato 23 maggio, a Palermo alla cerimonia commemorativa delle stragi di Capaci e di via D'Amelio nell'aula bunker dell'Ucciardone di Palermo. Di Falcone e di Paolo Borsellino, il capo dello Stato ha detto di "serbare un ricordo personale vivissimo", e rivolgendosi ai giovani che affollavano l'aula, ha affermato: "Siamo qui per rinnovare una promessa: batteremo la mafia, la elimineremo dal corpo sociale perché è incompatibile con la libertà".

"Sconfiggere per sempre le mafie è un'impresa alla nostra portata, ma, per raggiungere questo traguardo, è necessario un salto in avanti che dobbiamo compiere come collettività". La mafia, ha continuato Mattarella, è un "cancro" e per batterlo è necessario affermare la "cultura della Costituzione, cioè del rispetto delle regole, sempre e dovunque, a partire dal nostro agire quotidiano". "Che mafie di varia natura cerchino di modificare l'andamento delle partite e di lucrare sulle scommesse", ha aggiunto riferendosi agli ultimi scandali, "è una vergogna". "Questa metastasi va estirpata con severità e rapidità". "Non possiamo accettare che la bellezza dello sport, la crescita dei giovani e un divertimento degli italiani vengano così stravolti e sporcati. Le istituzioni dello sport non devono commettere alcun errore di sottovalutazione". La guardia "deve essere sempre alta". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mephjl

    24 Maggio 2015 - 20:08

    e come vuole battere la mafia se firma leggi che di fatto danno il potere solo al PD, nel quale c'è la più alta densità di condannati in parlamento ?

    Report

    Rispondi

  • doberman

    24 Maggio 2015 - 18:06

    Batteremo la mafia .......2015.......

    Report

    Rispondi

  • alvit

    24 Maggio 2015 - 18:06

    sono passati 100 anni da quando hanno iniziato a combattere la mafia e non hanno ottenuto una minchia. Ora anche il silenzioso si mette a pontificare. Sei stato in tutti i governi da quando sei nato, hai fatto forse qualcosa? hai debellato la mafia ? non mi sembra, solo due grandissimi, Falcone e Borsellino hanno tentato di tutto, ma che fine hanno fatto poveri cristi.La mafia siete voi.

    Report

    Rispondi

  • ireneus

    24 Maggio 2015 - 17:05

    La vedo dura' se vogliono battere e sconfiggere la mafia devono lavorare nel territorio sradicando l'accondiscendenza che i popolani hanno con i mammasantissima, questo si fa creando sviluppo e cambiando la classe politica che votano che è una vera e nefasta calamità, riacquistando una autonomia economica riconquistano la libertà di decidere e ribellarsi al marcio che li opprime

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog