Cerca

La protesta

Vicenza, subisce un nuovo furto. Messaggio sulle vetrine del negozio: "Teniamo duro anche se lo Stato italiano protegge i ladri"

Vicenza, subisce un nuovo furto. Messaggio sulle vetrine del negozio: "Teniamo duro anche se lo Stato italiano protegge i ladri"

Nel Veneto esasperato dai furti, quello che finisce in copertina quando il benzinaio Stacchio spara a un ladro per proteggere una donna, ci sono negozianti che usano anche l'amara ironia. Maurizio Mottes, titolare di un negozio di abbigliamento a Rosà (Vicenza) una mattina si è alzato, è andato a lavoro e ha visto i vetri della sua attività completamente sfondati. "Sembrava una bomba, o un grave incidente", ha raccontato al Corriere del Veneto. Invece è stato un "semplice" furto, non il primo: "Il vetro spesso che ho fatto montare non ha ceduto per quanto sia andato in frantumi, ma ha ceduto il serramento. In appena due minuti in tre hanno svaligiato il negozio di capi uomo e donna griffati, mentre un quarto aspettava in auto". I danni per il solo serramento sono di 4mila euro, molto, molto più alto il valore della refurtiva. Mottes, il giorno dopo, ha reagito tappezzando il negozio con un messaggio: "Ennesimo furto!! Teniamo duro e rimaniamo aperti nonostante i ladri e lo Stato italiano che li protegge!". Nessuna polemica, invece, con le forze dell'ordine: "Con i mezzi che hanno… fanno del loro meglio". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fepi65mi

    25 Maggio 2015 - 09:09

    Criminale è anche chi autorizza tutto cio'....chi vuole intendere, intenda.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    25 Maggio 2015 - 09:09

    Ma il Veneto di Zaia allora non è sicuro come vorrebbe farci credere

    Report

    Rispondi

    • Bolinastretta

      25 Maggio 2015 - 12:12

      certo perché le forze di polizia sono gestite dai governatori delle regioni !!! becero maldestro....

      Report

      Rispondi

  • masbalde

    24 Maggio 2015 - 22:10

    Se il cittadino non può difendersi legittimamente, in caso di furto o rapina o altro atto criminale verso la proprietà privata, lo Stato dovrebbe risarcirlo, non essendo stato capace di garantire l'incolumità sua e dei suoi beni. Io chiederei il risarcimento al Questore ed al Prefetto, quali rappresentanti dello Stato e responsabili dell'ordine pubblico. Cominciamo a farlo tutti, ok Salvini?

    Report

    Rispondi

  • fisis

    24 Maggio 2015 - 22:10

    La situazione peggiorerà in maniera drammatice e forse precipitarà in una guerra civile, se l'invasione immigratoria dovesse aumentare. Ricordarsi alle prossime elezioni di andare a votare bene. Anche il non voto favorisce la vittoria di questi nemici del popolo italiano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog