Cerca

Caso Roma Termini

La difesa del prete accusato di pedofilia: ecco il perché delle 1700 foto hard e della versione porno della Bibbia

La difesa del prete accusato di pedofilia: ecco il perché delle 1700 foto hard e della versione porno della Bibbia

Don Dino, il prete indagato perché coinvolto nel giro di prostituzione minorile di Roma Termini, ha esposto la propria difesa. Infatti secondo il Messaggero si definisce benefattore ed artista dato che ha aiutato dei ragazzini a sfondare nel mondo dell'hard grazie alla sua dimistichezza, solitamente non propria di un prete, nel fotografare nudi. A questa sua capacità dunque si imputerebbero le 1700 foto illegali, i 40mila file che stanno passando sotto il controllo della polizia e addirittura la sua versione porno della Bibbia, con dodici bambini nelle vesti degli apostoli. Infatti l'uomo dichiara: "Diversi ragazzini mi hanno chiesto di realizzare dei book per sfondare nel cinema erotico. Mi sono prestato, credendo di aiutarli. Ma non mi sono mai spinto oltre, non ho mai sfiorato un bambino, mai preso dei soldi", ma la versione del piccolo rom riportato dal Tempo è diversa: "So' andato tante volte con lui. Una volta mi ricordo al binario 13 sul treno, due-tre volte a Roma Tiburtina, dove ci stanno quei bagni a pagamento"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    27 Maggio 2015 - 10:10

    Suppongo che la secolarizzazione (processo degenerativo e desacralizzante) della chiesa sia stato l'errore che ha marginalizzato il cattolicesimo. Quando si passa da pastore di anime a gestore di capitali immensi, allora la credibilità è un optional e la moralità va a farsi benedire. (letteralmente)

    Report

    Rispondi

  • routier

    27 Maggio 2015 - 10:10

    Suppongo che la secolarizzazione (processo degenerativo e desacralizzante) della chiesa sia stato l'errore che ha marginalizzato il cattolicesimo. Quando si passa da pastore di anime a gestore di capitali immensi, allora la credibilità è un optional e la moralità va a farsi benedire. (letteralmente)

    Report

    Rispondi

  • pestifero

    26 Maggio 2015 - 17:05

    Ma che scusante sarebbe???

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    26 Maggio 2015 - 14:02

    E già che ci siamo, Sua Santità, perché non parlare delle tasse che la Chiesa non paga nonostante la mostruosa quantità di immobili che possiede su suolo italiano? Facile fare appelli alla solidarietà coi soldi altrui, vero? Purtroppo siete talmente paraculati che nessuno osa attaccarvi...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog