Cerca

La decisione

Il Tribunale di Milano ha bloccato Uber pop su tutto il territorio

Il Tribunale di Milano ha bloccato Uber pop su tutto il territorio

Il Tribunale di Milano ha bloccato Uber Pop su tutto il territorio italiano, l'app che consentiva a chiunque di improvvisarsi tassista sul territorio cittadino e di trasportare privatamente dei passeggeri sotto pagamento. Dunque é stato accolto il ricorso opposto dai tassisti per "concorrenza sleale" e "violazione della disciplina amministrativa che regola il settore taxi". Nelle settimane passate le organizzazioni sindacali di tassisti e radiotaxi con l'ausilio di un team di avvocati formato da Marco Giustiniani, Nico Moravia, Alessandro Fabbi e Giovanni Gigliotti avevano richiesto un occultamento dell'applicazione. Il giudice Claudio Marangoni ha imposto che entro 15 giorni Uber dovrà adeguarsi alla sentenza, ma è ancora in tempo a fare ricorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlooliani

    26 Maggio 2015 - 23:11

    Vivano le corporazioni e vivano i privilegi dei tassisti ladri italiani! Paese di pagliacci!

    Report

    Rispondi

  • carlooliani

    26 Maggio 2015 - 23:11

    Paese di pagliacci, merita quello che ha e che avrà!

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    26 Maggio 2015 - 20:08

    che dire, siamo sempre gli ultimi!!

    Report

    Rispondi

  • Lucas1963

    26 Maggio 2015 - 17:05

    Avesse osato un solo taxista newyorkese sarebbe stato licenziato su due piedi, qui nella repubblica delle banane invece la Lobbie dei taxisti è più potente del Governo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog