Cerca

La nuova svolta

Domenico Maurantonio: "È caduto parallelo all'hotel", qualcuno ha lanciato slip e pantaloncini

Domenico Maurantonio: "È caduto parallelo all'hotel", qualcuno ha lanciato slip e pantaloncini

Nuovo passo in avanti nelle indagini sulla morte di Domenico Maurantonio, il ragazzo morto a Milano dopo essere precipitato dal quinto piano di un hotel. Gli investigatori della Squadra mobile milanese hanno ricostruito la caduta del ragazzo, scoprendo che Domenico sarebbe caduto a piombo, in parallelo alla parete dell’albergo. Sugli slip e i pantaloncini che sono stati ritrovati accanto al cadavere, invece, l’ipotesi sempre più probabile è che siano stati gettati da qualcuno in un secondo momento. Qualcuno che evidentemente ha assistito alla scena, e ha deciso di tacere.

Gli altri esami – Questa possibilità ha trovato delle conferme anche negli esami tossicologici dei giorni scorsi, che hanno rivelato un tasso alcolico basso e una presenza non certa di lassativo nel sangue. Esclusa quindi la pista dell’ubriachezza o dello scherzo, l'indizio principale è diventato l'ematoma che Maurantonio aveva sul braccio destro, compatibile con la stretta di una mano di una delle persone presenti quella notte. Per confermare definitivamente questa ipotesi dalla Procura è partito il test del Dna che dovrebbe essere disponibile nei primi giorni di settimana prossima. Quindi se il test genetico andrà a buon fine si avrà l'identikit dell'ultima persona che ha visto il ragazzo e che dovrà spiegare il motivo per cui gli ha stretto il braccio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog