Cerca

Illegalità

Modena, quattro Rom non si fermano allo stop, si schiantano e picchiano un poliziotto

Modena, quattro Rom non si fermano allo stop, si schiantano e picchiano un poliziotto

Poteva essere un altro disastro come quello di Roma, dove dei Rom alla guida di un auto hanno ucciso una donna filippina e ferito altre 8 persone mentre fuggivano dalla polizia. A Modena una macchina con a bordo quattro Rom non si è fermata all’alt della polizia municipale, rischiando di investire un agente per schiantarsi poi a lato di una rotatoria. Gli occupanti sono quindi scesi dall’auto e hanno aggredito un poliziotto, dandosi poi alla fuga. Gli altri vigili sono riusciti però a bloccarne uno, un Rom di 22 anni.

La vicenda – La Fiat Stilo è stata fermata perché si stava immettendo a forte velocità in via Divisione Acqui, uscendo dallo svincolo della Tangenziale di Modena. Dentro la macchina sono stati trovati degli arnesi da scasso ed è risultata intestata, senza assicurazione, a uno straniero vicino ai gruppi rom del modenese. Il 22 fermato è stato processato per direttissima con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate e porto ingiustificato di arnesi da scasso. Gli altri tre sono ancora ricercati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gios78

    01 Giugno 2015 - 11:11

    Ma va tutto bene così. Gli emiliano-romagnoli, da bravi comunisti,coi rom ci si arrapano. Avanti così Emilia-Romagna!

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    31 Maggio 2015 - 19:07

    Uno Stato che lascia ammazzare i propri cittadini , e malmenare i propri poliziotti ,è uno Stato con politici di merda e ladroni. Andate in Germania e datevi una risposta MERDE. PAPATACI.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    31 Maggio 2015 - 18:06

    A farne piazza pulita ci aveva pensato un sigore 70 anni fa.Peccato che quie tempi non ritornino più.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    31 Maggio 2015 - 17:05

    Ha ragione un mio amico. La sua ricetta : concentrarli in un unico campo nomadi a Pianosa e far pattugliare dai fucilieri di marina per impedire che scappino.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog