Cerca

Volontarie del sesso

Ragusa, il centro storico trasformato in un quartiere a luci rosse: la rabbia delle mogli

Ragusa, il centro storico trasformato in un quartiere a luci rosse: la rabbia delle mogli

In soli tre giorni le volontarie del sesso hanno guadagnato anche 8 mila euro e fuori dalle loro porte la fila di professionisti e impiegati non è mai stata corta. La polizia ha scoperchiato il calderone del sesso a pagamento nel cuore della Sicilia, nel centro storico di Ragusa, diventato la punta di un iceberg ancora tutto da scoprire. A offrire i propri servizi non ci sono solo giovanissime ragazze dell'est Europa costrette a prostituirsi dopo il lavoro nei campi del mattino. Gli appartamenti affittati per qualche euro ospitano prevalentemente sudamericane, donne e trans, per lo più in regola con i documenti, come le due domenicane scoperte dagli agenti nell'ultima retata che avevano passaporto spagnolo. Sono cittadine comunitarie, girano per l'Europa a tappe serrate con soste di non oltre tre giorni e fanno il pienone di clienti, richiamati dagli annunci su Bakeka e dal passaparola tra amici che al bar o in palestra ne decantano le lodi. Mettono su anche otto appuntamenti al giorno, con prestazioni che costano dai 200 ai 500 euro, se i clienti vogliono sperimentare esperienze di gruppo. Secondo il reportage di Repubblica non ci sono solo straniere, ma anche italiane. C'è la donna dell'alta borghesia siciliana, amante del lusso e libera dai tabù, ma anche la scrittrice milanese che vola qui per un lungo weekend: "Perché di soli libri non si vive e poi qui non mi conosce nessuno".

La denuncia - Il vicinato però è esasperato. Le donne ragusane osservano da dietro le finestre il via vai continuo dai portoni delle stradine immerse nel barocco, qualche cliente disorientato sbaglia anche citofono e suona alle case sbagliate: "Sei libera? Quanto prendi?" si è sentita chiedere una signora che si è sfogata: "Ho paura anche a tornare a casa e che spettacolo per i bambini...". Sono le mogli di Ragusa a non voler più tollerare questa situazione. Tra i clienti non mancano diversi mariti, alcuni disoccupati che implorano gli agenti che si fanno strada tra i codoni di gente in attesa: "Vi prego non dite niente a casa". E il terrore di essere scoperti ha spinto anche qualcuno a lanciarsi dalla finestra del primo piano: meglio una frattura che far sapere alla moglie di aver speso 300 euro per un'ora con una sudamericana statuaria, invece di cercare un nuovo lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcob_

    05 Giugno 2015 - 08:08

    Tassare la prostituzione nooooo e'

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    04 Giugno 2015 - 19:07

    Non capisco il titolo. Ma perchè scrivete che è legale.L'articolo mica lo dice.

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    04 Giugno 2015 - 08:08

    le mogli sono invidiose per i soldi che le altre guadagnano.

    Report

    Rispondi

  • rutgergreen

    rutgergreen

    04 Giugno 2015 - 07:07

    bene...speriamo che sia generalizzato in tutta itaglia e che paghino le tasse soprattutto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog