Cerca

Pupone

Mafia capitale, gli affari immobiliari tra Luca Odevaine e la famiglia di Francesco Totti

Mafia capitale, gli affari immobiliari tra Luca Odevaine e la famiglia di Francesco Totti

Ci sono tanti punti di contatto e tante coincidenze tra gli affari di famiglia di Francesco Totti e quelli di Luca Odevaine, ex capo di gabinetto di Walter Veltroni, in carcere dal 4 giugno scorso, dopo la seconda ondata di arresti per la seconda operazione di Mafia Capitale. Scrive Marco Lillo sul Fatto quotidiano che il primo punto di contatto sta nella società Reluca Srl. Il 90% delle quote era di proprietà di Odevaine, il 10% del fratello del Pupone, Riccardo. La società aveva acquistato, tra il dicembre 2010 e il luglio 2011 tre negozi in zona Ostiense-Garbatella e uno vicino al Colosseo, per un valore complessivo di un milione di euro. La proprietà era schermata dalla fiduciaria Monte Paschi Fiduciaria con amministratore unico Stefano Bravo, commercialista di Odevaine. Bravo ha ricoperto l'incarico fino al 30 marzo scorso, quando ha saputo di essere indagato. Così ha passato la mano alla 31enne Ginestra Odevaien, figlia di Luca.

Papa Pupone - Con l'uscita del libro I re di Roma di Lirio Abate e Marco Lillo, si viene a sapere che Odevaine aveva presieduto la commissione comunale che aveva selezionato un palazzo di proprietà di Francesco Totti destinato a famiglie bisognose. Un ottimo affare per la società Ten, all'83% del Pupone e per il restante 17% di sua madre e suo fratello. Il palazzo era stato acquistato a uso ufficio nel novembre 2007 a Tor tre teste, periferia romana. Poco dopo il Comune lo affitta per un costo a carico del Campidoglio di 850 mila euro, poi passati a 908 mila euro all'anno solo per la manutenzione. Alla società Ten il Comune ha pagato 2.100 euro al mese per ognuno dei 35 appartamenti. In sei anni fanno 5 milioni di euro, con un contratto scaduto a dicembre 2014, prorogato a giugno 2015 e che probabilmente, sostiene il Fatto, sarà di nuovo rinnovato. Parlando del Pupone, infatti, Marino è stato chiarissimo: "Totti è Totti e a Roma non si tocca", molto più di un re, sembra immune come il Papa.

Gli affari - È acclarato quindi che Luca Odevaine e Riccardo Totti abbiano fatto affari immobiliari insieme. Nel biennio 2012-2013 la loro società, la Reluca, ha dichiarato appena 8 mila euro. L'anno prima, nel 2011, era anche in perdita di 4 mila euro. All'amministratore Bravo era stato concesso un pagamento di soli 11.700 euro. Eppure in quell'anno la Reluca ha acquistato un negozio da una signora anziana a due passi dal Colosseo. Nello stesso tempo accendeva un mutuo con Mps garantito da un'ipoteca di 400 mila euro, di cui 200 mila per il capitale e 200 mila per gli interessi. Ancora un anno prima, nel 2010, la Reluca aveva comprato tre negozi in zona Ostiense-Garbatella. Proprietà passate di mano da una serie di amministratori, tra i quali Daniele Pulcini, costruttore indagato per i suoi rapporti con il parlamentare Pd Marco Di Stefano. Lo stesso Pulcini è finito ai domiciliari con gli arresti per Mafia capitale del 4 giugno scorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rkmont

    10 Giugno 2015 - 17:05

    in tutto questo, la procura di Napoli trova il modo di rompere le scatole a Lotito con una vecchia intercettazione già girata e rigirata

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    10 Giugno 2015 - 12:12

    per anni vi siete riempiti la bocca con napoli, i casalesi , i calabresi, i siciliani...l'immondezzaio d'italia è: ROMA, infatti, la chiamano roma capitale...mafiosa...

    Report

    Rispondi

    • allianz

      11 Giugno 2015 - 04:04

      il braccio armato sta a Napoli,Reggio,Palermo....Ma il cervello sta a roma.

      Report

      Rispondi

  • irucangy

    10 Giugno 2015 - 07:07

    Guarda caso mutuo con Mps, banca dei compagnucci...

    Report

    Rispondi

    • selenikos

      10 Giugno 2015 - 11:11

      e banca di Berlusconi........da lì uscivano i milioni per le Olgettine (oltre, naturalmente, ad altro). Che cosa brutta l'ideologia!!!

      Report

      Rispondi

      • Joachim

        11 Giugno 2015 - 09:09

        Solo che i soldi sono di SB e i soldi se li spende come vuole, mentre il mutuo MPS garantito viene da intrallazzi e sole romane.

        Report

        Rispondi

    • civimar

      10 Giugno 2015 - 09:09

      .............. e bancomat del CDX. Citofonare Verdini, Santanchè, Gianni Letta.

      Report

      Rispondi

  • zhoe248

    10 Giugno 2015 - 07:07

    La cosa tragica è che simili affari non saranno certo un'esclusiva della capitale, aspettiamo fiduciosi notizie da firenze, milano,torino, palermo, napoli, ecc. ecc. ecc. ecc. E noi, sudditi imbelli, tutti in banca entro il 16 giugno a pagare imu, tasi, tari, irpef per alimentare questi insaziabili mangiasoldi

    Report

    Rispondi

blog