Cerca

Volare oh no

Bagaglio a mano sempre più piccolo: la Iata sconvolge l'aviazione

Bagaglio a mano sempre più piccolo: la Iata sconvolge l'aviazione

Non c'è pace per i viaggiatori che preferiscono spostasi velocemente da un paese all'altro. La International Air Transport Association (Iata), l'organizzazione internazionale con sede in Canada che riunisce più di 260 compagnie aeree, ha deciso di ridurre le dimensioni dei bagagli a mano. Le misure saranno quindi più piccole, si passerà da 56 x 45 x 25 centimetri ad un 39% in meno di volume con i nuovi standard da 55 x 35 x 20 centimetri comprese di ruote, tasche e manici. Una bella notizia per i produttori di valigie e borsoni che sono pronti a creare una nuova linea apposita, ma una tragedia per i passeggeri che sono costretti ancora una volta ad inventarsi nuovi stratagemmi per portare tutti i capi possibili e immaginabili di cui necessitano.

Di compagnia in compagnia - Nonostante un portavoce Iata abbia sottolineato che le compagnie aeree sono libere di scegliere le proprie misure e che si tratta solo di linee guida, otto grandi aviolinee come l'Air China, Avianca, Azul, Cathay Pacific, China Southern, Emirates, Lufthansa e Qatar già hanno annunciato di volerle adottare al più presto e altri 30-40 paesi sono interessati alla proposta. Le nuove dimensioni sono inferiori a quelle attuali consentite su American Airlines, Delta, United, Southwest, British Airways, EasyJet, Lufthansa, Air France.

Bagni ad alta quota - Parallelamente alla questione bagagli, prende il via la polemica dei mini bagni. Il colosso Boeing è pronto con un nuovo piano di vendite per il suo 777-300ER. Per renderlo più accattivante agli occhi delle compagnie aeree, è disposto ad aumentare lo spazio per i passeggeri a bordo a discapito delle toilette per recuperare ben 14 posti in più, arrivando a portare 400 passeggeri invece dei 386 attuali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pegaso1048

    18 Luglio 2015 - 11:11

    Per lavoro non si discute, per il resto state a casa! Non inquinate e aiutate l'Economia del proprio Paese!!

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    10 Giugno 2015 - 19:07

    stanno veramente esagerando

    Report

    Rispondi

blog