Cerca

Accampati

Un caso di malaria tra gli immigrati alla stazione Centrale di Milano

Un caso di malaria tra gli immigrati alla stazione Centrale di Milano

Non solo la scabbia, che è la malattia portata da un parassita che scava delle "gallerie" sotto la pelle nutrendosi della carne del suo involontario "ospite". Ora a Milano c’è anche un sospetto caso di malaria tra le persone visitate questa mattina nel presidio Asl che aperto questa mattina davanti all’ingresso principale della Stazione Centrale. I medici hanno riscontrato che uno dei migranti visitati, un ragazzo di una ventina d’anni, mostrava i segni della malattia. Il ragazzo è stato portato d’urgenza all’Ospedale Sacco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • esasperata49

    12 Giugno 2015 - 18:06

    portato al Sacco...dove riceverà cure gratuite, mentre i peones italiani, se non vogliono aspettare tempi biblici x esami o visite, devono rivolgersi al privato......pagando naturalmente... avrei voluto vedere come questa situazione demenziale, sarebbe stata risolta, se invece della stazione a Milano, fosse stata una stazione a Francoforte,,, già ma là non li avrebbero neanche lasciati entrare

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    12 Giugno 2015 - 18:06

    portato al Sacco...dove riceverà cure gratuite, mentre i peones italiani, se non vogliono aspettare tempi biblici x esami o visite, devono rivolgersi al privato......pagando naturalmente... avrei voluto vedere come questa situazione demenziale, sarebbe stata risolta, se invece della stazione a Milano, fosse stata una stazione a Francoforte,,, già ma là non li avrebbero neanche lasciati entrare

    Report

    Rispondi

  • allianz

    12 Giugno 2015 - 16:04

    Non può essere che qualche Nigeriano,oppure un Ivoriano,o comunque un lercio straccione dell'africa equatoriale....Andiamo bene.A quando Ebola?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    12 Giugno 2015 - 16:04

    Come già detto, in altre circostanze, siamo in una pozza di m@@@a e non abbiamo le scarpe adatte. Il governo e le istituzioni assistono passivamente a questo scempio umano, civile, sociale ed economico. Molto presto i figli indesiderati di questa situazione incresciosa faranno capolino......Ci sarà da ridere (metaforicamente parlando).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog