Cerca

Proteste

Israele, attivista italiana arrestata, è in carcere a Tel Aviv. Ha iniziato lo sciopero della fame

Israele, attivista italiana arrestata, è in carcere a Tel Aviv. Ha iniziato lo sciopero della fame

La polizia israeliana ha arrestato Samantha Comizzoli, attivista e blogger italiana presente in Palestina da oltre un anno, mentre come ogni venerdì stava manifestando assieme ad altre persone alle porte del villaggio Kufr Qaddom contro la presenza dell’esercito di Israele negli insediamenti palestinesi. Un conoscente italiano dell’attivista afferma di essere stato contattato questa mattina dall’ambasciata italiana a Tel Aviv e di aver ricevuto la comunicazione che la donna, a cui sarebbe scaduto da tempo il visto, si trova in isolamento nel carcere israeliano dell’aeroporto della città. Si rifiuterebbe di rispondere alle domande della polizia e avrebbe cominciato lo sciopero della fame perché si ritiene prigioniera politica. La Farnesina, che conferma l’arresto, segue la vicenda attraverso l’ambasciata di Tel Aviv, che è in stretto contatto con le autorità israeliane e con la donna. L’attivista potrebbe essere espulsa nel giro di qualche giorno.

Manifestazione - Gli amici della Comizzoli hanno quindi organizzato una manifestazione di solidarietà a Torino, che si terrà oggi sotto la sede Rai di via Verdi. Poche settimane fa era uscito il suo documentario “Israele - il cancro” in cui racconta le violenze e gli abusi dell’esercito israeliano ai danni dei palestinesi. Alla donna, in Palestina da oltre un anno e colpita di recente al seno da proiettili di gomma nel corso di una manifestazione, da giovedì era stato negato l’accesso all’account Facebook, mezzo tramite cui aggiornava quotidianamente amici e utenti delle sue attività. È riuscita comunque ad annunciare il suo arresto tramite Twitter.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roy01

    30 Agosto 2015 - 15:03

    che Dio stramaledica gli israeliani e chi li difende.

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    16 Giugno 2015 - 20:08

    Israele si difende, e fa molto bene. Spero che la lascino morire di fame. Chi difende i Palestinesi non merita di meglio.

    Report

    Rispondi

  • clifosila

    14 Giugno 2015 - 19:07

    L'Israele non è l'Italia dove tutto è consentito. Non le bastavano più i danni provocati in Italia voleva provare altre esperienze di violenza. Io sono contentissimo e, sarò più contento se l'Israele la trattiene almeno per dieci anni.

    Report

    Rispondi

  • Blackcat

    14 Giugno 2015 - 16:04

    non e sequestrata ma arresta quindi niente riscato :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog