Cerca

La truffa

Vercelli, una professoressa si è finta malata per 5 anni. Ma in realtà organizzava concerti

Vercelli, una professoressa si è finta malata per 5 anni. Ma in realtà organizzava concerti

Ciechi che riconoscono i colori, disabili che all’improvviso si alzano e camminano, malati terminali che fanno paracadutismo. Non sono dei miracoli ma solo alcuni casi dei tanti finti malati che ogni anno truffano lo stato. Questa volta è il turno di una professoressa di Prato, in congedo dalla scuola dal 2009 per una patologia che comportava cure molto debilitanti. Peccato però che organizzasse concertini in giro per l’Italia.

La truffa – A scoprirla è stata la guardia di Finanza di Vercelli, dove la donna si era trasferita da qualche tempo. I militari hanno scoperto che la docente aveva costituito un’associazione no-profit grazie alla quale organizzava in tutto il Paese eventi, concerti e concorsi musicali. Attività che non sono certo compatibili con il suo stato di malattia, anche perché su alcuni siti internet si può chiaramente vedere la sua partecipazione “molto attiva” a queste iniziative.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fofetto

    14 Giugno 2015 - 15:03

    Sono arcisicuro che è una sinistronza. Mi potete confermare?

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    14 Giugno 2015 - 15:03

    A una signora che conosco, titolare di una pensione minima, quando e' andata a chiedere cosa avrebbe potuto dedurre delle spese mediche che effettivamente sostiene , e' stato risposto che non poteva dedurre niente dato che il suo reddito era troppo basso. Ma vi rendete conto? Sentirsi rispondere questo a 85 anni? Viva l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    14 Giugno 2015 - 12:12

    Mi è piaciuto il commento di rossini1904, aggiungo che, per rispetto di chi un lavoro l'ha perso, non lo trova, lo ha part time, è sottopagato, una repubblica seria, (che quindi non può essere questa così ben rappresentata in alto), dovrebbe trovare il modo di licenziarla immediatamente. Naturalmente se occorre, pignorandole i beni per recuperare gli stipendi erogati e non dovuti.

    Report

    Rispondi

  • routier

    14 Giugno 2015 - 10:10

    Sei milioni circa di persone che vivono di "Stato" (esercito, insegnanti, polizia, magistratura e dintorni, ministeriali, enti pubblici, ecc.ecc.) più relativi familiari. Sono un bacino elettorale se non determinante, almeno assai cospicuo. Chi li tocca mai ? Al governo non saranno stinchi di santi, ma mica sono fessi !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog