Cerca

Lo sgombero

Ventimiglia, migranti sgomberati al confine ma resistono sugli scogli

Ventimiglia, migranti sgomberati al confine ma resistono sugli scogli

La situazione a Ventimiglia è sempre più tesa. Al confine italo-francese i profughi decisi a passare in Francia non vogliono sapere di lasciare l'accampamento che hanno organizzato già da un paio di giorni. Poco dopo le 7 e 30 di questa mattina i carabinieri e la polizia hanno sgomberato una cinquantina di profughi che dormivano nelle aiuole di Ponte San Ludovico. Ci sono stati dei momenti di tensione quando qualche migrante disperato ha tentato di opporre resistenza, gettandosi a terra. Le forze dell'ordine hanno dovuto agire in alcuni casi con la forza per allontanare gli uomini dai cartelli stardali o dai pali a cui si erano aggrappati. Alcuni di loro dalle scogliere, sono rimasti in piedi sui muretti per gridare:"Dove sono i diritti umani?", protestando e cercando di scappare per non essere bloccati. Nella confusione sono rimasti feriti due agenti che hanno riportato contusioni e ferite lievi 

Sugli scogli - Una parte dei migranti continua a rimanere sulla spiaggia e ha accusato alcuni malori tanto che la Croce Rossa è dovuta intervenire con urgenza per fornire acqua e assicurare le seppur minime condizioni d'igiene. Alcuni di loro in condizioni di salute più critiche sono state caricate su dei bus allestiti dalla Cri verso la stazione, dove saranno allestiti dei centri di accoglienza temporanei fino alla riapertura della frontiera di Mentone, ammesso che avvenga.

La polemica - Lo sgombero accade proprio il giorno dopo le polemiche tra Italia e Francia per il rispetto delle regole Schengen. Bernard Cazeneuve, ministro dell'Interno francese ha dichiarato: “i migranti non hanno diritto di passare, se ne deve fare carico l’Italia”, ricevendo la risposta di Renzi:“le posizioni muscolari non aiutano. L’immigrazione è una vicenda complessa che si gestisce con la solidità di un Paese come il nostro che non può consentire alla Francia di avere navi nel Mediterraneo e lasciare i migranti in Italia. Nessun egoismo nazionale può chiudere gli occhi”. Nel battibecco si era inserito anche il commissario sull'immigrazione dell'Ue che ha ribadito: “tutti devono rispettare Schengen. La Commissione è al corrente dei controlli alle frontiere di Francia, Austria e Svizzera con l’Italia e stiamo verificando la situazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    16 Giugno 2015 - 20:08

    Renzi-superstar è solo un cialtrone: non si rende conto che ciò che dice non ha alcun peso sulle decisioni dell'Europa a trazione Merkel, cui si aggiunge Hollande nell'attuale circostanza del blocco da parte della Francia al confine di Ventimiglia. L'Italia ostaggio dell'immigrazione selvaggia: possiamo ringraziare il duo Renzi-Alfano, inetti, e la Boldrini, nella privacy di Castelporziano.

    Report

    Rispondi

  • attualità

    16 Giugno 2015 - 19:07

    L'Italia puo' salvare l'Onore !! Dando la cittadinanza e passaporto provvisorio a tutti i fottuti neri africani che vengono via mare. Una strategia di Benito Mussolini ,per salvare 100 000 ebrei dai Nazisti....

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    16 Giugno 2015 - 13:01

    Ventimiglia è x la France come Lampedusa x l'Italia: lasciamo che sia la gendarmerie francaise a impedire l'accesso in Francia dei migranti, noi guardiamo come fanno e poi adottiamo il medesimo sistema a Lampedusa.

    Report

    Rispondi

blog