Cerca

Follie

Brescia, fanno la cacca in strada e postano le foto: da gennaio 50 denunce

La sfida è semplice: abbassarsi pantaloni e mutande in mezzo a una strada trafficata e farla davanti ai passanti mentre gli amici riprendono la scena che poi verrà messa on-line sui social. Un “gioco” di cattivo gusto che negli ultimi mesi è diventato un "must" per i giovani bresciani. L’ultimo episodio risale a due giorni fa quando, nella centralissima via Gramsci alle 13.30, i residenti hanno segnalato un giovane che stava defecando sulla pubblica via noncurante dei passanti. Anzi, l’intera scena era pure ripresa da amico con il telefonino. Ai poliziotti non è rimasto altro che identificare i due minorenni denunciandoli per atti osceni e multandoli di circa 600 euro. Impassibile il ragazzo non ha neppure cercato di nascondersi: «L’ho fatto per una scommessa con altri ragazzi». «Nell’arco di una settimana abbiamo registrato una ventina di episodi analoghi - ha segnalato il questore vicario di Brescia, Emanuele Ricifari -. Questo è degrado mentale. Da gennaio sono almeno una cinquantina le denunce scattate». La posta in gioco? Dal “pirlo” offerto al bar (versione bresciana dello spritz) al denaro per chi ha il coraggio di “farla dove non si può”. E i video spopolano su Facebook...
Giuseppe Spatola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    20 Giugno 2015 - 05:05

    Questa è l'educazione che danno le scuole le famiglie.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    19 Giugno 2015 - 18:06

    E che è sta roba?Un bombardamento di B 52?

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    19 Giugno 2015 - 18:06

    il mio cane è più educato.

    Report

    Rispondi

  • wainer

    19 Giugno 2015 - 16:04

    Le colpe dei padri ricadono sui figli?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog