Cerca

Il giallo di Brembate

Yara, Tribunale blindato per la prima udienza preliminare di Massimo Bossetti

Yara Gambirasio

Il Tribunale di Bergamo si blinda per la prima udienza preliminare del dibattimento che vedrà comparire Massimo Giuseppe Bossetti il muratore di Mapello in carcere da un anno con l'accusa di aver ucciso Yara Gambiarasio, la tredicenne di Bremate di Sopra scomparsa il 26 novembre 2010 e il cui cadavere fu trovata tre più tardi, il 26 febbraio del 2011, in un campo incolto di Chignalo d'Isola.  In Tribunale arriveranno cronisti, fotografi, giornalisti, televisive. E' stato installato anche un terzo metal detector che si aggiunge agli altri due presenti all'ingresso. Vietati - come scrive il Giorno -  cellulari e macchine fotografiche e nemmeno gli apparecchi degli operatori televisivi (sul tavolo del presidente Siniscalchi sono arrivate varie richieste da parte di emittenti, ma per il momento il pm Letizia Ruggeri avrebbe dato parere negativo alle riprese in aula). I legali di Bossetti preparano la loro lista dei testimoni che comprende familiari, periti etc che dovrà essere depositata entro il 25 giugno. Nell'elenco che gli avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini stanno stilando vi saranno tutti i consulenti scientifici di accusa e difesa, familiari di Bossetti, frequentatori della palestre e persone che vivono nei dintorni della casa della ragazza uccisa che i difensori vogliono siano sentiti nel processo davanti ai giudici della Corte d'assise di Bergamo. Un totale di circa 400 persone. 

L'ultimo schiaffo  -  In attesa del processo a Bossetti, è arrivato un altro schiaffo alla piccola Yara.  L'imprenditore Mirko Rosa, imprenditore del Varesotto titolare di una catena di negozi compro-oro, che aveva promesso 100mila euro a chi avrebbe ritrovato gli assassini di Yara, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Milano con altre 10 persone: per le fiamme gialle sarebbe a capo di una organizzazione criminale dedita a ricettazione e riciclaggio, con la sottrazione al fisco di 5 milioni e 400mila euro. Tra le imputazioni, omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, emissione di fatture per operazioni inesistenti, occultamento e distruzione di documentazione contabile obbligatoria, falso in registro e notificazioni,concorso in incendio, concorso in simulazione di reato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi il negher

    22 Giugno 2015 - 13:01

    .... non si da pace, Salvini non si da pace .... che sfiga

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    22 Giugno 2015 - 12:12

    non credeva all'omicidio commesso da bosetti, poteva voler testimoniare e lo hanno messo a tacere...penso, suppongo, ma la supponenza è peggio dell'ignoranza...ha,ha,ha

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    22 Giugno 2015 - 10:10

    Buttatelo dentro e fondete la chiave ....

    Report

    Rispondi

  • sidereus40

    22 Giugno 2015 - 10:10

    Cosa c'entra Mirko Rosa con Yara? Non riesco a capirlo.

    Report

    Rispondi

blog