Cerca

I furbetti delle auto

Il trucco per non pagare più multe e bollo auto: i furbetti della targa bulgara

Il trucco per non pagare più multe e bollo auto: i furbetti della targa bulgara

In Italia ogni anno ci sono circa 15 mila multe non pagate dagli automobilisti. E il trucchetto dei furbetti molto spesso sfrutta il fatto che gli elenchi delle immatricolazioni tra uno Stato e l'altro non sono accessibili facilmente da parte delle forze di polizia. Basterebbe infatti registrare una targa in un paese straniero per riuscire a sfuggire alle grinfie delle contravvenzioni e del fisco, evitando così non solo di pagare le multe per eccesso di velocità, ma anche l'annosa imposta del bollo. Come riporta il Resto del Carlino, le difficoltà a reperire i proprietari di un veicolo con targa stranierta aumentano quando le stesse autorità estere si dimostrano poco disponibili a diffondere i dati in loro possesso. Un sempre maggior numero di italiani sta scoprendo l'opportunità di scampare alle multe con questo sistema, attratti anche dalle tariffe assicurative meno costose e le tasse praticamente inesistenti.

Dove - Il paese più gettonato tra gli evasori quasi totali delle auto è la Bulgaria. Lo dimostrano anche i diversi annunci sui diversi siti di compravendita auto e la quantità di annunci dove si specifica che l'immatricolazione è bulgara. Il bollo a Sofia costa un decimo rispetto a quanto chiesto in Italia e l'assicurazione all'anno può arrivare a costare meno di 200 euro.

Il trucco - Dall'Italia il meccanismo parte con l'immatricolazione regolare delle auto, poi radiate per essere esportate all'estero. A questo punto vengono immatricolate di nuovo in Bulgaria e tornano in Italia per essere cedute in locazione. Nel corso dei vari passaggi però la polizia italiana sta cercando di intervenire e il rischio per i targati esteri è altissimo perché verrebbero accusati di truffa aggravata alla pubblica amministrazione e insolvenza fraudolenta. Soprattutto in Romagna, c'è chi ancora riesce a sfuggire ai controlli non immatricolando l'auto entro un anno dall'arrivo in Italia, anche perché il veicolo rimane intestato a un parente (o un amico) ancora residente all'estero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bobobox2

    16 Settembre 2016 - 23:11

    beh io non lo pago proprio e ho fatto detonare la cassetta della posta da esperti artificieri, oramai la mia auto se me la sequestrano mi fanno pure un piacere, risparmio sulla demolizione ha 17 anni la bambina ,prossimo anno è maggiorenne, cmq in core è ancora buono se mi mettono le ganasce la smonto a pezzi e la rivendo e gli lascio la ruota con la ganascia...

    Report

    Rispondi

  • bobobox2

    16 Settembre 2016 - 23:11

    beh io non lo pago proprio e ho fatto detonare la cassetta della posta da esperti artificieri, oramai la mia auto se me la sequestrano mi fanno pure un piacere, risparmio sulla demolizione ha 17 anni la bambina ,prossimo anno è maggiorenne, cmq in core è ancora buono se mi mettono le ganasce la smonto a pezzi e la rivendo e gli lascio la ruota con la ganascia...

    Report

    Rispondi

  • allianz

    22 Giugno 2015 - 20:08

    Basta intestare la vettura ad una persona che vive in Bulgaria.Ci sono agenzie a Milano.Torino,Napoli Roma ecc che lo fanno senza problemi.Una BMW 6(4000 cc)paga nemmeno 400 euro,una audi 4 paga 180 euro.Assicurazione per tutto l'anno per la BMW 6 non arriva a 500 euro....Ma dove ferma la polizia?Ci sono dei rumeno che stanno in italia da 10 anni a hanno la targa rumena.....Bollo?In fanteria.

    Report

    Rispondi

    • TOMMA

      27 Agosto 2015 - 09:09

      Hai ragione, Paese di mmmerda (tre emme), rappresentato ad hoc pure in alto.

      Report

      Rispondi

blog