Cerca

La proposta

Immigrazione, Pianosa come Ellis Island: trasformare l'isola nel centro di smistamento europeo

Immigrazione, Pianosa come Ellis Island: trasformare l'isola nel centro di smistamento europeo

Anche l’Europa potrebbe avere la sua Ellis Island, e si troverebbe in Italia. Ieri Il Foglio ha lanciato una proposta ricca di fascino: trasformare l’isolotto disabitato di Pianosa, in Toscana, in un centro di raccolta e smistamento degli immigrati fra tutti gli Stati membri. Esattamente come accadeva davanti a Manhattan. Nel 1892 il Governo americano trasformò Ellis Island nel principale centro di registrazione del Paese, così efficiente che nel 1907 riuscì a smaltire un milione 4.756 immigrati in soli 12 mesi. Le differenze geografiche e politiche con Pianosa sono però numerose, e ci sarebbero alcuni problemi non da poco da risolvere.

Tempi e spazi – Come scrive Il Giornale, Lega Ambiente-Arcipelago Toscano ha ricordato che Pianosa è “uno scoglio piatto di 10 chilometri quadrati, senza fogne, che può attingere solo alla scarsa acqua sotterranea e con un patrimonio edilizio carcerario fatiscente abbandonato già prima della chiusura del carcere nel 1997”. Lo spazio sarebbe quindi poco, elemento che rende assolutamente necessario velocizzare i tempi di smistamento: non è possibile tenere per 6 mesi e oltre gli immigrati sull’isola, dopo pochi giorni sarebbe già sovraffollata. Basti pensare che a febbraio erano 67.128 i migranti trattenuti nelle varie regioni.

Questione di collaborazione – Altro fattore necessario è la collaborazione completa dell’Europa e dei vari Stati membri. E perché ci sia velocità la sincronizzazione fra l’Italia e gli altri Paese che dovranno ricevere le persone dovrà essere perfetta. Inoltre dovranno essere previsti i rimpatri. Se è vero che non si possono mandare indietro i profughi che vengono da zone di guerra come la Siria, l’Eritrea o la Somalia, è altrettanto vero che si possono prendere accordi con altri Paesi. Ad esempio con la Nigeria, il Senegal o il Niger. Infine, ma non per importanza, bisogna pensare alla salvaguardia del territorio. Pianosa è in una zona di conservazione speciale dell'Unione Europea, e fa parte del Parco nazionale dell' Arcipelago toscano. Servono dei finanziamenti europei per tutelate il patrimonio ambientale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zhoe248

    23 Giugno 2015 - 20:08

    Chi arriva privo di validi deocumenti di identità deve essere automaticamente considerato clandestino e in quanto tale respinto subito. Chi chiede asilo deve dimostrare di averne i requisiti, così non dobbiamo perdere noi due anni x fare le indagini e nel frattempo mantenerli.

    Report

    Rispondi

  • routier

    23 Giugno 2015 - 19:07

    L'arcipelago toscano è una delle perle del Tirreno. Perché rovinare pure quello ?

    Report

    Rispondi

  • gianni-1

    gianni-1

    23 Giugno 2015 - 17:05

    Siamo alla frutta , il buffone di Renzi diceva che era tutto sotto controllo hahahaha

    Report

    Rispondi

  • gianni-1

    gianni-1

    23 Giugno 2015 - 17:05

    X lo smistamento di questi pseudo profughi proporrei la piazza del Vaticano,,,,,,

    Report

    Rispondi

    • Janses68

      03 Settembre 2015 - 10:10

      Ma anche in tutte le terre e le proprieta' che la chiesa ha sparse in tutto il mondo.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog