Cerca

La tragedia

Padova, si suicida in azienda Egidio Maschio, fondatore del gruppo Maschio Gaspardo: "Troppi debiti"

Padova, si suicida in azienda Egidio Maschio, fondatore del gruppo Maschio Gaspardo: "Troppi debiti"

Si è ucciso nella sua azienda Egidio Maschio, 73 anni, imprenditore che aveva fondato insieme al fratello Giorgio il gruppo Maschio Gaspardo, che produceva macchinari agricoli. L’uomo si è sparato un colpo di fucile al petto in sala riunioni, nella sede di Cadoneghe, Padova, in via Einstein. La società ultimamente si era pesantemente indebitata con le banche per espandersi all’estero, e le banche avevano chiesto un rietro del debito che ammonterebbe a decine di milioni di euro.

La vicenda – Come scrive il Corriere.it il presidente della Gaspardo era arrivato in ufficio prima delle sette come sempre, e il cadavere è stato trovato da un dipendente. Maschio lascia due figli, Mirco e Andrea, e pochi mesi fa aveva nominato dei manager in grado di guidare l’azienda in autonomia nei prossimi anni. Il primo a commentare la tragedia è stato l’amico e imprenditore Mario Carraro: “Sono gesti che vanno al di là della nostra comprensione”. Cordoglio espresso anche dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia, secondo cui Maschio era “un emblema di coraggio e di determinazione”, mentre in una nota la ditta scrive: “Lo stesso Egidio Maschio unitamente al fratello Giorgio avevano di recente affidato la gestione dell’azienda a una nuova squadra di manager. Il nuovo management team e la famiglia Maschio confermano il grande impegno di tutto il Gruppo nel portare avanti un piano strategico che garantirà sia il consolidamento della leadership di mercato che un’ulteriore fase di sviluppo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    25 Giugno 2015 - 14:02

    Se fossi un cliente della banca che ha chiesto ìl rientro forzoso dei suoi crediti all'imprenditore suicida, chiuderei immediatamente i miei rapporti con essa, estinguerei il conto corrente e inviterei gli altri clienti a fare altrettanto. Visto che certe banche non aiutano l'imprenditoria, togliamo a loro il nostro denaro.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    25 Giugno 2015 - 13:01

    Si è ucciso perche lo hanno costretto le banche a farlo.Nessuno sa che le banche possono richiedere l'esigibilità del credito immediatamente?E' quello che accadde nel 2008 quando la banche americane chiesero il rientro di 50.000.000.000 di dollari agli Emirati.Motivo?Volevano il pagamento del greggio venduto in euro.

    Report

    Rispondi

  • cuciz livio

    24 Giugno 2015 - 22:10

    Perchè non si suicidano mai i Napolitano,i Monti eccetera,solo questa brava gente che da lavoro............c'è troppo che non va.

    Report

    Rispondi

  • somipa

    24 Giugno 2015 - 22:10

    ecco xke non sono andato a votare, c'è chi tenta di ricostruire il nostro paese con sacrifici e chi se lo sta divorando, vedi i vari politici sia locali tipo la banda del MOSE che nazionali IL politico non deve essere una professione ma una missione a termine Dopo 1/2 legislature tutti al lavoro per maturare i requisiti contributivi per la pensione Dobbiamo aiutare gli imprenditori onesti quelli

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog