Cerca

La svolta

Omicidio Yara, il consulente della difesa di Massimo Bossetti: "I tabulati dicono che il corpo non era dove dice la Procura"

Massimo Giuseppe Bossetti

La posizione del cellulare di Yara Gambirasio potrebbe scagionare Massimo Bossetti dall'accusa di omicidio e riaprire clamorosamente il caso della giovane ginnasta uccisa nel 2010. La Procura di Bergamo ha sempre sostenuto che il cadavere della ragazza fosse stato portato subito nel campo di Chignolo. Secondo gli avvocati della difesa del muratore di Brembate di sopra, rinchiuso nel carcere di Bergamo, il telefonino di Yara nelle ore della tragedia era altrove, di certo nella zona a nord del luogo in cui fu rapita e non a sud, dove poi è stata ritrovata.

La difesa - Racconta il settimana Oggi che lo staff di avvocati difensori di Bossetti si è avvalso di un consulente che analizzato i tabulati della Vodafone che riportano gli spostamenti del cellulare della ragazza. L'esperto Ezio Denti ha rivelato al settimanale: "Quando Yara, alle 18.29, ha ricevuto un messaggio dell'amica Martina che le chiedeva a che ora avrebbero dovuto trovarsi per la gara di ginnastica artistica della domenica successiva, il suo telefonino ha agganciato la cella che copre l'area di via Natta a Mapello. Quindi - continua Denti - era ancora vicino alla palestra. Venti minuti dopo, quando ha risposto a questo sms, il telefono di Yara ha agganciato la cella di via Ruggeri, a Brembate di Sopra". Il campo dove il corpo di Yara è stato ritrovato è a Chignolo, cioè a sud-ovest rispetto a quel punto e a circa 15 chilometri di distanza: "E la stessa cella di via Ruggeri - ha aggiunto l'esperto - viene agganciata alle 18.55 quando il cellulare della ragazza invia l'ultimo segnale, quello di spegnimento. Quindi Yara in quel momento era da tutt'altra parte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scostumato

    01 Luglio 2015 - 16:04

    Io penso con rammarico vero a tutte quelle povere ragazze stuprate e uccise in passato,quando telecamere e antenne dei telefonini cellulari erano ancora nel Limbo della Storia...!

    Report

    Rispondi

  • satanik

    01 Luglio 2015 - 13:01

    Che sfiga Salvini, italiano e pure del nord ....

    Report

    Rispondi

  • carlooliani

    01 Luglio 2015 - 12:12

    Smettetela di fare gli asini e speculare sulla povera ragazza per vendere il vostro giornale con dei titoli demenziali. Se anche fosse stato spostato dopo cosa cambia? L 'omicida è sempre quello, il Sig. Ignoto 1.

    Report

    Rispondi

    • afadri

      01 Luglio 2015 - 17:05

      ...e chi è il Signor Ignoto 1? Lo sai ...dillo così risolviamo il caso. Ne abbiamo pieni i maroni e daremo giustizia sia a lei che alla povera famiglia della ragazza.

      Report

      Rispondi

blog