Cerca

Nero su bianco

Addio euro, il piano del M5S: come tornare alla lira, punto per punto

Addio euro, il piano del M5S: come tornare alla lira, punto per punto

E se tornassimo alla lira? Dopo il fragoroso no con cui la Grecia ha risposto al referendum - che le chiedeva se avesse intenzione di accettare o meno la proposta di Commissione europea, Fmi e Bce -, per gli ellenici si prospetta più vivida che mai la possibilità di un ritorno alla moneta nazionale, la dracma. Ma anche in Italia sono in molti a sognare il ritorno alla cara vecchia lira: una nostalgia dettata dall'esasperazione per una situazione economica sempre più in crisi. E poi, è risaputo, l'Italia ha un debito pubblico talmente elevato che nel possibile sgretolarsi dell'Unione europea e di tutti i suoi buoni propositi, potrebbe essere con la Spagna tra i primi a seguire a ruota la rovina della Grecia. Quindi perchè non giocare d'anticipo e tornare alla lira quando si ha ancora qualche cartuccia in canna?

Proposta grillina - Messi da parte catastrofismi di sorta, il ritorno alla moneta nazionale porterebbe a una situazione economica meno drammatica di quanto si potrebbe immaginare. La ricetta di uscita dall'euro - oltre che da un sempre barricadero Matteo Salvini, che la mette in cima alle priorità della sua Lega Nord - è fornita dal Movimento 5 stelle, che tramite una delle sue menti economiche, Laura Castelli, mette in luce punto per punto, nero su bianco, gli scenari e le conseguenze di un'uscita dalla moneta unica.

I preliminari - Secondo il documento redatto dalla Castelli, tutti i Paesi dell'Unione dovrebbero tornare alla propria moneta nazionale, e la Banca centrale europea potrebbe vigilare sulle fluttuazioni dei tassi di cambio fra le varie valute, per non incorrere in pericolose svalutazioni. La prima tappa per poterlo fare però sarebbe un referendum, per consentire alla sovranità popolare di decidere del proprio destino. Un referendum stile Grecia insomma, in cui però la domanda sia: volete uscire dall'euro? Con un bel "sì" in pole position sulla scheda. Anche perché il sistema di un paese alla lunga risulta viziato se lo stesso non ha la possibilità di decidere della propria moneta, sostengono grillini, leghisti e molti altri con loro.

Le conseguenze - Quali sarebbero gli effetti immediati di un'uscita dall'euro? Si teme senza dubbio un'inflazione mostruosa, con una lira che varrebbe pochissimo e un euro prevaricante. Ma questa paura, secondo la Castelli, sarebbe infondata. Anzi: un po' di inflazione potrebbe rivelarsi una boccata di ossigeno per l'Italia che soffre di deflazione cronica, una condizione per cui i prezzi diminuiscono per una debolezza complessiva della domanda di beni e servizi: le aziende non riescono a piazzare le merci a certi prezzi, e per sopravvivere li abbassano, infilandosi in una spirale negativa. Infondato, secondo la pentastellata, anche il timore di un aumento del peso dei mutui: rimarrebbero stabili perché sarebbero convertiti in lire il giorno stesso dell'uscita dall'euro. Un altro effetto temuto è l'aumento dello spread e quindi degli interessi sul debito. Sbagliato, perché la Banca d'Italia applicherebbe un calmiere sui tassi di interesse, e nel caso il debito aumentasse troppo, la Banca stessa potrebbe decidere di acquistarlo.

Senza euro...  - La terza grande incognita riguarda l'attività del secondario: se un'azienda guadagna in lire ma paga eventuali importazioni in euro (importazioni necessarie alla produzione della merce commercializzata), andrebbe in perdita. Sbagliato anche questo, perché quando il cambio va a corrispondere le esigenze di un Paese allineandovisi, l'economia riparte. La svalutazione della moneta nazionale costituirebbe infatti un vantaggio per le aziende estere, che potrebbero investire nel paese a un prezzo inferiore che in altre nazioni. Questo farebbe ripartire l'economia con il turbo. Tutto avrebbe come prova della sua effettiva validità il fatto che Paesi facenti parte dell'Unione europea ma che hanno conservato la moneta nazionale come ad esempio la Danimarca o il Regno Unito hanno un'economia più florida e hanno retto meglio alla crisi finanziaria mondiale. Sarebbe un tuffo nel vuoto se fatto subito. Oppure l'Italia potrebbe stare a guardare come va a finire in Grecia, e decidere di conseguenza. Ma allora potrebbe essere troppo tardi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emigratoinfelix

    22 Settembre 2015 - 12:12

    ricordate quando c´era la lira e banca d´italia era di proprieta´pubblica?avevamo inflazione alta,costo del denaro al 20% eppure la qualita´della vita della popolazione era molto migliore,l´economia cresceva e la disoccupazione era a livelli fisiologicamente accettabili,grazie alle svalutazioni competitive eravamo aggressivi sui mercati esteri.ci hanno ingessato,l´amara verita

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    22 Settembre 2015 - 12:12

    ricordate quando c´era la lira e banca d´italia era di proprieta´pubblica?avevamo inflazione alta,costo del denaro al 20% eppure la qualita´della vita della popolazione era molto migliore,l´economia cresceva e la disoccupazione era a livelli fisiologicamente accettabili,grazie alle svalutazioni competitive eravamo aggressivi sui mercati esteri.ci hanno ingessato,l´amara verita

    Report

    Rispondi

  • aldoamico

    19 Luglio 2015 - 20:08

    Il cambio di moneta non è una semplice operazione finanziaria e nessun economista può prevederne le conseguenze,per questo bisogna essere molto cauti nel fare proposte di questo tipo.Il vero problema in Europa è quello di risolvere il problema.politico della nascita degli stati uniti d'Europa.Fatta l'unità politica il problema della moneta non esisterebbe più.I 50/stati uniti d'America hanno una sola moneta e un.solo governo federale.

    Report

    Rispondi

  • kidwiller

    18 Luglio 2015 - 18:06

    Meglio cominciare ad affiancare l'euro con la lira, una volta fatto uscire dall'euro. Intanto bisogna cominciare a ridurre il debito pubblico riducendo immediatamente i politicanti, i carrozzoni pubblici, ecc. Il parlamento deve avere massimo 100 deputati con una sola camera che decide, le regioni devono dimezzare le cariche politiche, via completamente le province, accorpare i comuni fino 15mi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog