Cerca

Arriva la tassa sui viaggiatori in 14 città italiane

Arriva la tassa sui viaggiatori in 14 città italiane

La tassa sui viaggiatori diventa sempre più una realtà in vista. Come riporta il sito affaritaliani.it, la nuova imposta, che in un primo momento era un’iniziativa dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), è stata infatti ufficialmente inserita nelle proposte di emendamento al decreto Enti Locali.

Servirà a coprire il deficit che le neocostituite città metropolitane hanno ereditato dalle Provincie. Chi si metterà in viaggio, a partire dal 1° ottobre, con nave o aereo, pagherà un importo aggiuntivo da un minimo di 1 euro a un massimo di 2 euro (a discrezione dell’ente locale). La nuova tassa sui viaggiatori scatterà per Roma, Napoli, Milano, Torino, Bari, Firenze, Bologna, Genova, Venezia e Reggio Calabria; l’addizionale aeroportuale e l’imposta di sbarco saranno applicate negli aeroporti e nei porti di Cagliari, Messina, Palermo e Catania.

Ma anche chi si imbarcherà a Malpensa o a Orio al Serio dovrà pagare l’addizionale, nonostante i due scali siano ben lontani dal territorio della città metropolitana di Milano. Stesso discorso per i passeggeri degli aeroporti di Verona, Treviso, Rimini, Pisa, Brindisi, Lamezia Terme, Crotone, Alghero, Olbia, Trapani. Nonostante siano al di fuori dei confini delle città metropolitane di riferimento (Venezia, Bologna, Firenze, Bari, Reggio Calabria, Cagliari, Palermo, Catania e Messina)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog