Cerca

Flavio Mezzanotte, 33 anni

Bimbo morto in metro: sotto choc l'addetto Atac
Accusato di omicidio, "sta malissimo"

Bimbo morto in metro: sotto choc l'addetto Atac
Accusato di omicidio, "sta malissimo"

Sta malissimo Flavio Mezzanotte, uno degli indagati per la morte del bambino di 4 anni nella metropolitana di Roma. Non è riuscito a salvare il piccolo e non si dà pace, sebbene la madre del bimbo abbia già dichiarato di averlo perdonato.  "È un ragazzo meraviglioso, ha fatto di tutto per salvare la mamma e il suo bambino: ha agito per una questione di sopravvivenza. Ha fatto quello che riteneva opportuno fare, in quell'ascensore faceva un caldo pazzesco. Ora è sedato, disperato, sconvolto. Voleva morire lui". L'avvocato di Mezzanotte, 33 anni, Valentina Chianello, racconta lo stato d'animo del suo assistito. L'addetto alla stazione Atac voleva salvare il bambino e sua madre, ma adesso si trova accusato di omicidio colposo. Giovedì pomeriggio è intervenuto alla stazione metro di Furio Camillo per provare a tirare fuori mamma Francesca e il piccolo Marco, rimasti chiusi nell'ascensore della stazioneFurio Camillo. L'operazione ha fallito. Marco è caduto nel vuoto. Ed è morto sul colpo.

Flavio è in stato di choc. Si trova in ospedale, al San Giovanni. «Troppo scrupoloso, preparato e colto per commettere errori del genere. C' é qualcosa che non sappiamo», dicono i colleghi. Mezzanotte si è laureato in Scienze della Comunicazione a Tor Vergata, è diventato giornalista pubblicista nel maggio scorso. Scrive articoli per il Nuovo Corriere Laziale di calcio locale. Lo scorso gennaio si è sposato. Anche la moglie, Elisabetta, lavora per Atac. «Non abbiamo nulla da dire. Lasciateci in pace», risponde al Tempo, che l'ha contattata. Flavio sogna di diventare giornalista professionista e di scrivere su un grande giornale. Ma ora la sua testa è su questa tragedia più grande di lui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog