Cerca

La protesta

Il volo viene annullato: avvocato si barrica in aereo con la moglie

Il volo viene annullato: avvocato si barrica in aereo con la moglie

Un avvocato aquilano proprio non è riuscito ad accettare che il suo volo diretto ad Atene sarebbe stato cancellato e dunque si è rifiutato di lasciare l'aereo. La compagnia aerea Vueling intorno alle 9 di ieri sera ha dovuto eliminare il volo in partenza da Roma Fiumicino dopo aver accumulato diverse ore di ritardo. I passeggeri quindi sono stati fatti sbarcare dall'aeromobile, tutti tranne due. L'uomo, Vincenzo Calderoni, insieme alla moglie per protesta non è voluto scendere. Testardo e caparbio per oltre un'ora non ha abbondato la causa da bravo professionista. "Senza nessun tatto e personalità con notevole ritardo visto che la partenza era prevista per le 19 e 20", spiega l'avvocato, il personale della compagnia ha fatto sapere ai passeggeri, già accomodati da un'ora, che non avrebbero mai lasciato lo scalo romano. 

La protesta e l'arrabbiatura - Con disappunto Calderoni ha dichiarato: "Ci stanno trattando come le bestie tra di noi ci sono anziani. Non ci hanno spiegato nulla, dopo un'ora sull'aereo ci hanno detto in malo modo e perentoriamente di scendere perché il volo era annullato senza dare nessuna spiegazione. Man mano sono scesi tutti, io mi rifiuto perché pretendo che mi mettano per iscritto l'annullamento del volo. Come per salire abbiamo esibito il biglietto per scendere mi devono scrivere cosa è successo". La Vueling allora per liberarsi dallo scomodo rivoluzionario lo ha minacciato di denuncia, spegnendo anche l'aria condizionata e richiedendo l'intervento della polizia. Il legale alla fine è sceso giù ma solo dopo aver ribadito il suo sdegno: "Non sappiamo se ci fanno partire domani o se il week end ad Atene salta del tutto. Quanto sta accadendo ha dell'incredibile, ma protesto perché mi rifiuto di essere trattato come una bestia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog