Cerca

Indegno

Esercito, invalido di guerra umiliato dallo Stato: solo 280 euro al mese

Esercito, invalido di guerra umiliato dallo Stato: solo 280 euro al mese

Aveva deciso di servire l'Italia, il suo paese, arruolandosi nell'esercito. Diventa parà tra le fila della Folgore, va in missione in Somalia. Era il 1983 ed Enrico Boccolon, all'età di diciannove anni, viene accidentalmente ferito all'altezza dell'inguine da un proiettile di un commilitone. Solo nel 2012, dopo 29 anni dall'incidente, il tribunale gli riconosce un'invalidità permanente al 45%, e lo status di vittima del dovere.

La battaglia giudiziaria - Siccome la biblica attesa per il riconoscimento dell'invalidità non era evidentemente sufficiente, pare che la menomazione del ragazzo non fosse, per lo Stato e il Ministero della difesa, di una gravità tale da concedergli l'intera pensione che gli spettava. Che tutt'ora gli spetta. L'Italia decide dunque di ringraziare il suo parà ferito in missione con 280 miseri euro al mese. Enrico Boccolon non ci sta, e porta in un'aula di tribunale lo Stato. Lo stesso Stato che aveva deciso, appena adolescente, di servire con tutto sé stesso. Una battaglia per la sua dignità di uomo, di soldato, di cittadino. Enrico vince la causa, e il Ministero della difesa si vede costretto a corrispondergli 500 euro al mese per la sua invalidità. Quelli che deve avere per diritto. Cinquecento euro che sembrano più che altro il piccolo riscatto per il tormento di un processo inutile e ignobile. Perché evidentemente per l'Italia il prezzo per una vita rovinata da un'invalidità in una missione di pace si aggira intorno ai 280 euro al mese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roulette70

    02 Dicembre 2015 - 02:02

    L'Italia è un paese di poveracci. .......

    Report

    Rispondi

  • pestifero

    16 Luglio 2015 - 08:08

    Naturalmente il ministro della difesa non avrà aperto bocca. Questi sciacalli mandano i giovani a combattere guerre economiche poi non li difendono al loro rientro. Pazzesco tradimento di chi ti manda al massacro. basterebbe solo questo motivo per smettere di pagare le tasse...nella legge militare non è permesso disertare, solo i politici possono farlo con gli italiani

    Report

    Rispondi

  • Argonauta

    13 Luglio 2015 - 17:05

    Vergognoso!!!

    Report

    Rispondi

  • buonavolonta

    13 Luglio 2015 - 16:04

    aiutiamo tutti meno che i nostri figli i giudici danno risarcimenti miliardari a chi interessa loro in questo caso il parà non interessa ...povera italia.. poveri soldati .... centenario della guerra 15-18 le battaglie le sofferenze gli estremi disagi dei soldati al fronte gia allora chi era al potere non gli fregava niente del fronte e dei soldati la storia si ripete sempre !!!!!

    Report

    Rispondi

blog