Cerca

Il dramma

Riccione, un ragazzo di 16 anni morto in discoteca per una pasticca di ecstasy

Riccione, un ragazzo di 16 anni morto in discoteca per una pasticca di ecstasy

Un ragazzo di 16 anni di Città di Castello, in provincia di Perugia, è morto in ospedale a Riccione mentre ballava in discoteca. Secondo le prime testimonianze raccolte dagli inquirenti avrebbe preso una pasticca di ecstasy. Il ragazzo si chiamava Lamberto Lucaccioni, era in vacanza con due amici a Cervia e stava passando la notte in discoteca con gli amici. Alle 4 del mattino si è sentito male mentre era ballava e trasportato in ambulanza all'ospedale Ceccarini di Riccione è morto. I carabinieri ora indagano per morte conseguente a spaccio di droga. In queste ore i militari stanno raccogliendo le testimonianze degli amici del minorenne per capire anche dove si sia procurato la droga e dove l’abbia consumata. Le immagini delle telecamere interne ed esterne della nota discoteca della Riviera che verranno esaminate nelle prossime ore. Saranno comunque gli esami tossicologici a chiarire che cosa ha effettivamente assunto il ragazzo. Al momento le indagini dei carabinieri si concentrano per capire dove i minorenni abbiano comprato droga e se in discoteca erano state servite loro bevande alcoliche. Si sta già valutando l’ipotesi di sospensione dell’attività del locale, provvedimento che può essere richiesto al Questore o al Comune di Riccione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • belzebù

    20 Luglio 2015 - 18:06

    Viva la gioventù pulita, ormai una rarità.Non è colpa delle discoteche, non possono controllare sti quattro idioti, e se dopo fanno selezione all' entrata si beccano pure gli insulti.Ci saranno anche tanti gestori menefreghisti, ma se uno desidera un locale pulito, e non vuole rogne, cosa deve fare?

    Report

    Rispondi

  • routier

    20 Luglio 2015 - 09:09

    Premesso che il decesso prematuro di un giovano è sempre una grave perdita, bisogna tuttavia dire che certe scelte sono assai rischiose e se ci scappa il morto è una fatalità ?

    Report

    Rispondi

  • Pugile

    20 Luglio 2015 - 09:09

    Per questo giovane provo la stessa pietà che avrei per uno che muore con la roulette russa, perché a sedici anni si capisce ciò che è male e pericoloso. I genitori andrebbero sterilizzati e gli dovrebbe essere revocata la potestà nei confronti di eventuali altri figli. Posso sembrare duro e insensibile ma l'atteggiamento di pietismo adottato fino ad ora ha portato dove siamo.

    Report

    Rispondi

  • Megas Alexandros

    19 Luglio 2015 - 22:10

    a 16 anni avevo il coprifuoco a mezzanotte e il massimo che mi era consentito era andare in bicicletta con i miei amici nel paese vicino distante 3 Km circa.... tutto questo circa 8 anni fa! Ma che cazzarola di genitori ce stanno oggi???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog