Cerca

Il pasticcio

Dl Fallimenti approvato: il creditore potrà rivalersi sui beni del debitore ceduti in donazione

Dl Fallimenti approvato: il creditore potrà rivalersi sui beni del debitore ceduti in donazione

Il creditore potrà rivalersi sui beni che i debitori hanno ceduto in donazione, gratuitamente. E' una delle modifiche introdotte dal governo con il Dl Fallimenti (quello sull'Ilva di Taranto), approvato con voto di fiducia oggi alla Camera. Secondo il Movimento 5 Stelle, come spiega al Tempo il deputato Alfonso Bonafede, si tratta di un "nuovo piacere di Renzi alle banche", perché, questo è l'esempio portato dal grillino, "se una banca deve avere 1.000 euro da Tizio che, sei mesi prima, ha donato alla figlia la casa, ora la banca potrà procedere con esecuzione forzata verso la casa della figlia, senza bisogno di aspettare un giudice e perché la norma è retroattiva di un anno". La misura suscita non pochi malumori anche tra gli addetti ai lavori, che si sono esposti con una nota assai dura. 

Sì all'esecuzione forzata - Fino ad oggi, scrive l'Associazione Nazionale Forense, certamente c'era il rischio che fondi patrimoniali, donazioni e trust fossero "simulati" o "realizzati in frode ai creditori". In quel caso, "i terzi creditori danneggiati erano ammessi a provare la volontà fraudolenta del loro debitore di sottrarre la sua garanzia patrimoniale alla successiva pretesa del creditore". Da oggi, invece, il creditore, "per il solo fatto che ritenga di essere pregiudicato da una donazione, da un fondo patrimoniale, da un trust, da un vincolo, può iniziare l'esecuzione forzata senza alcun permesso del giudice". 

Giustizia in tilt - La norma, spiegano gli avvocati, "limita grandemente la difesa del debitore e del terzo che ha ricevuto il bene, perché essi non sono più chiamati a difendere le proprie ragioni in una causa ordinaria ma possono esclusivamente proporre opposizione all'esecuzione." Il risultato concreto è il rischio che l'esproprio di un immobile prima che vi sia una sentenza di inefficacia dell'atto possa portare ad auto-alimentare il contenzioso in attesa del solito intervento della Cassazione". Con ovvie lungaggini burocratiche, tanto per gradire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • moisec

    24 Luglio 2015 - 05:05

    Cioè compra una casa con i soldi della banca, poi la dona alla figlia.furbo di Maio ma più furbo libero. Non credo che di Maio abbia detto questo.

    Report

    Rispondi

  • moisec

    24 Luglio 2015 - 05:05

    Che furbizia. E perché prima di donare la casa alla figlia, non ha provveduto a pagarsi i debiti?

    Report

    Rispondi

  • cerioli.maurizio

    23 Luglio 2015 - 19:07

    Un' azione a favore dei più grandi evasori, delinquenti, furbastri .......... Che può far piacere solo ai grandi evasori, delinquenti, furbastri......le Banche e il Governo sinistro complice!!!!!

    Report

    Rispondi

  • accanove

    23 Luglio 2015 - 18:06

    mi pare ovvio, coinvolgi per legge i correntisti nel coprire le scorribande delle banche ovvio che già che ci siamo dai loro ogni possibilità di asciugare ogni centesimo del loro avere.

    Report

    Rispondi

    • moisec

      24 Luglio 2015 - 05:05

      Cioè lei compra una casa con i soldi della banca e poi la dona a sua figlia senza prima pagare il mutuo?

      Report

      Rispondi

      • catamar

        24 Luglio 2015 - 22:10

        Ma cosa dici la casa x essere donata deve essere priva d'ipoteca....se non hai pagato tutto il muto non puoi donarla

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog