Cerca

Cosa cambia

Via alla riforma delle bollette: stangata per chi consuma poco

Via alla riforma delle bollette: stangata per chi consuma poco

Il paradosso della nuova riforma delle bollette è che meno consumi e più paghi. La stangata, messa a punto dall'Autorità per l'Energia elettrica e il gas è stata trasmessa al governo e in autunno rischia di diventare effettiva. Riporta il Tempo che la riforma ha lo scopo di "superare la struttura progressiva rispetto ai consumi e adeguare le componenti della tariffa elettrica ai costi del relativo servizio, secondo criteri di gradualità".

In sostanza si spostano gli oneri in bolletta dalla parte variabile alla parte fissa, e quindi riducendo il costo del chilowattora. La voce relativa alla quantità di energia consumata avrà un peso inferiore all'interno della bolletta, mentre aumenteranno i costi fissi. Ergo: sarà penalizzato chi consuma meno. Ad essere coinvolte saranno tutte le famiglie italiane per un totale di circa 30 milioni di punti di prelievo (oltre 23 milioni di abitazioni di residenza, a cui si aggiungono circa 6 milioni di altre unità abitative). 

Facciamo qualche esempio. Chi consuma 1.500 Kwh/anno (con potenza impegnata di 3Kw) con una spesa annua (al netto delle tasse) di 233 euro, con la riforma pagherà 71 euro in più: ovvero 304. Chi consuma 2.200 Kwh/anno pagherà 50 euro in più che scendono a 42 se si sale a 3.200 Kw/h anno. Chi invece risparmierà 261 euro è chi ha un consumo di 3.500 Kw/h anno (con potenza impegnata di 3,5Kw). 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vittori0

    26 Luglio 2015 - 09:09

    Il costo dell'Energia Elettrica per KW/h è aumentato dal 2011 da 0,17 al 2015 allo 0,23 mediamente senza IVA!!

    Report

    Rispondi

  • viola52

    26 Luglio 2015 - 08:08

    questo lo hanno fatto perché dopo aver distrutto le famiglie italiane si sono accorti che le famiglie senza figli aumentavano e il gettito non aumentava...ecco che ora invertono la tendenza per continuare ad aumentare gli introiti delle società energetiche (amiche dei politici) tramite i consumi e gli allacci e i soldi ai ns. politicI tramite le accise sui consumi. VIVA L'ITALIA.!!... http

    Report

    Rispondi

  • marcben

    25 Luglio 2015 - 19:07

    Dopo vent'anni che mi batto per questo, finalmente un po' di giustizia. La struttura progressiva era ingiustamente penalizzante per chi ha figli che, per forza di cose, comportano un maggiore consumo elettrico (più lavatrici, più elettrodomestici, più ferro da stiro etc.). Giusto invece far pagare un costo uguale a tutti per ogni chilowattora consumato (come accade ad esempio per la benzina).

    Report

    Rispondi

    • viola52

      26 Luglio 2015 - 08:08

      scommetto che dopo 20 anni e a figli cresciuti e fuori casa ti avrebbe fatto ora più comodo rimanere come prima... ^_^...... per la serie : in un modo o nell'altro trovano sempre come rubarti i soldi dalle tasche.... https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-far-rispettare-la-capacit%C3%A0-contributiva-che-%C3%A8-un-principio-fondamentale-del-diritto-tributario-espressamente-sancito-da

      Report

      Rispondi

    • viola52

      26 Luglio 2015 - 07:07

      giusto il costo kilowattore per tutti senza progressione...ma no all'aumento dei costi fissi...insomma è la solita storia...fanno finta di togliere da una parte per ricarire il triplo dall'altra.... https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-far-rispettare-la-capacit%C3%A0-contributiva-che-%C3%A8-un-principio-fondamentale-del-diritto-tributario-espressamente-sancito-dall-art-53-della-costi

      Report

      Rispondi

  • fausta73

    25 Luglio 2015 - 17:05

    ma questo non è giusto: allora io devo pagare per chi consuma di più!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog