Cerca

Regali Papali

Nella Santa Sede spunta un mercatino: Cosa sta succedendo al Vaticano?

Nella Santa Sede spunta un mercatino: Cosa sta succedendo al Vaticano?

Nel Vaticano spunta un mercatino, questione di crisi? Assolutamente no. Si tratta solo dell'ultima trovata di Papa Francesco; dopo aver sperimentato nel novembre scorso la "Lotteria di beneficenza per le opere di carità del Santo Padre", Bergoglio lancia il mercatino del Papa. Mentre però, nel primo caso i regali papali venivano messi in palio, questa volta gli stessi vengono messi in vendita così che il ricavato possa poi essere devoluto in beneficenza. Il mercatino è stato allestito al piano terra vicino alle casse, dove su alcuni scaffali sono spuntati i doni che Francesco ha ricevuto durante udienze ed incontri con capi di stato e non. Gli oggetti sono di vario tipo e natura e chissà che tra di essi non compaia anche il crocifisso con falce e martello donato il 9 luglio passato, dal presidente boliviano Evo Morales o il medaglione contenente foglie di coca ricevuto da Bergoglio nella stessa occasione.

Il Papa-pop - Da quando il 13 marzo 2013 è divenuto Papa, Bergoglio si è dimostrato da subito fuori dagli schemi; essendo infatti riconoscito da molti come il Papa rivoluzionario. Lui è stato il primo a chiamarsi Francesco; il primo a provenire dal continente americano (Argentina); il primo dell'ordine dei Gesuiti; tra i primi a battezzare i figli dei non sposati; il primo (almeno secondo il quotidiano The Guardian) ad essere a favore dell'uso del contraccettico per evitare diffusione di malattie; primo ecclesiastico a proclamare il rispetto per gli omosessuali pur condannando i matrimoni gay; il primo a combattere la pedofilia del clero e a chiedere scusa per i lunghi silenzi della Chiesa. Il nuovo (nonostante sia terminato il suo secondo anno alla carica di pontefice) Papa, utilizza un linguaggio particolare che lo avvicina ai fedeli delicato ma allo stesso tempo incisivo; come la carezza che nasce da un "pugno". Un Papa così non si era mai visto e forse da lui ci aspettiamo che sia il primo a riacquistare parte degli oggetti, magari proprio quelli boliviani...

di Mirko Mazzola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mina2612

    28 Luglio 2015 - 16:04

    Dopo aver innalzato il colonnato del Bernini a cessi pubblici, nulla più ci può meravigliare da questo Papa.

    Report

    Rispondi

  • gabrybaeca

    28 Luglio 2015 - 12:12

    Ma non vedete che cerca di fraternizzare, che cerca di cambiare le sovrastrutture che impelagono e confondono la religione, ma dietro ha tanti di quei nemici da far paura, il terrore consiste nell'apostasia che è il rifiuto delle verità conosciute, ma chi smuove la curia, continuano a fare ostruzionismo ed a mettere il bastone tra le ruote, un immenso peccato che continuano imperterriti!!!

    Report

    Rispondi

  • flikdue

    26 Luglio 2015 - 15:03

    Magari, che goduria vedere il vaticano invaso da decine, no centinaia anzi migliaia di vò-cumprà, ............. dopo un paio d'ore guardia vat. , preti e cardinali con casco e manganello li hanno già fatti sgombrare e rimandati in italia !!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • salvapo

    26 Luglio 2015 - 13:01

    Ma quante banalità. Si punti invece sulle cose reali che affliggpono la gente in carne ed ossa. Tutti questi simbolismi lasciano il tempo che trovano. La lotta alla povertà non si vince combattendo la ricchezza altrui,conquistata con lavoro e scrifici,ma combattendo la povertà facendo emergere occasioni di lavoro produttivo e non promuovendo l'elemosima.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog