Cerca

Spending review

Sanità, tutti i tagli di Renzi a esami, ricoveri e visite. Sanzioni ai medici che sgarrano. Protesta: "Un super-ticket mascherato"

16
Sanità, tutti i tagli di Renzi a esami, ricoveri e visite. Sanzioni ai medici che sgarrano. Protesta: "Un super-ticket mascherato"

Il governo agirà con decreto per far approvare i tagli alla sanità annunciati dal commissario alla spending review Yoram Gutgeld domenica su Repubblica. Oggi in aula arriveranno misure da 2,3 miliardi di euro per il 2015 e altrettanti nei prossimi 2 anni, e non si esclude la fiducia perché la volontà di Palazzo Chigi è quella di blindare ogni provvedimento in cantiere in queste settimane e arrivare a tappe forzate all'annunciata "rivoluzione fiscale". 

Il "super-ticket" su esami e visite - "Non saranno tagli lineari", ha annunciato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, ma di certo faranno male, soprattutto a medici e dirigenti sanitari che hanno già criticato apertamente il pacchetto. Taglio alle prestazioni specialistiche (visite, esami strumentali e di laboratorio) non necessarie. Di fatto, chi sarà fuori dalla lista di esami ammessi dovrà pagare di tasca propria, motivo per cui Costantino Troise, segretario di Anaao-Assomed (medici dirigenti) a Repubblica parla di un "super-ticket mascherato sulla sanità" e di "impoverimento del servizio pubblico".

Stretta sui ricoveri - Stretta anche  sui ricoveri per riabilitazione, secondo la medesima filosofia: chi resta in degenza oltre le nuove soglie dovrà pagare in percentuale per ogni giorno in più, con controlli e penalizzazioni per medici e strutture.

Stipendio tagliato ai medici - Pagheranno i pazienti e pagheranno anche gli stessi medici che prescrivono esami non necessari, la "medicina difensiva" di cui parlava anche Gutgeld e che evita contese legali con i pazienti. Chi esagera con gli esami, si vedrà lo stipendio tagliato. E anche qui la protesta dei medici è forte: "Chi lo decide se un esame non è necessario? - chiede polemicamente Troise - Un gruppo di tecnocrati? La strada è quella della legge di responsabilità professionale, che invece giace da anni in Parlamento".

Sanzioni agli ospedali in rosso - Gutgeld puntava il dito anche sugli ospedali con i bilanci poco trasparenti o in rosso, per cui saranno previste sanzioni. Inoltre, saranno razionalizzate le strutture: niente ricoveri nelle strutture convenzionate con meno di 40 posti letto e riduzione degli stipendi del personale.

Centrale unica di acquisto - Il Ministero della Salute istituirà un osservatorio che monitori i prezzi dei dispositivi medici (con tetto alla spesa del 4,4%), primo passo per la famosa "centrale unica di acquisto" che permetterebbe di acquistare l'ormai proverbiale siringa allo stesso prezzo al Nord e al Sud. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eziocanti

    13 Agosto 2015 - 13:01

    I veri DEM-enti che votano pedestremente il PD-ota che ne pensano ? A già, ma loro mica pensano, per pensare ci vuole un cervello. Saluti trinariciuti !!!

    Report

    Rispondi

  • Crocco2

    27 Luglio 2015 - 22:10

    Sindacati medici dimostrate di esistere scioperate per tre mesi e mandate la lorenzin e renzi a farsi curare dai veterinari. Questi cattocomunisti travestiti da sapienti posatori hanno portato l'Italia ad un livello simile alla grecia e noi cosa facciamo subiamo e aspettiamo che ci finiscono lentamente ascoltando le corbellerie che ci propinano ogni giorno. Libertà battiamoci per riconquistarla!!!

    Report

    Rispondi

  • francesco assumma

    27 Luglio 2015 - 19:07

    Questo " ragazzo " ( Renzi ) è diventato ormai un incubo per tutti gli italiani. Appena dichiara che diminuirà le tasse ecco la nuova stangata con l'eliminazione delle agevolazioni agli ammalati, lavoratori e pensionati ma dell'effettivo abbattimento della spesa pubblica non si parla mai anzi aumenta. E' un'offesa al cittadino che si vede sempre assottigliare se non eliminare quei pochi servizi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media