Cerca

Ricavi a picco

Dopo i guai con il fisco di Mannheimer, chiude l'istituto di sondaggi Ispo

Dopo i guai con il fisco di Mannheimer, chiude l'istituto di sondaggi Ispo

Tempi duri per il sondaggista Renato Mannheimer. Dopo quasi 30 anni, chiude i battenti Ispo-Istituto per gli studi e le ricerche sulla pubblica opinione srl, società fondata nel 1986 da  Mannheimer e messa in liquidazione volontaria lo scorso 30 giugno.

L' Istituto non è riuscito a sopravvivere ai guai giudiziari di Mannheimer, che ha patteggiato una condanna a un anno e undici mesi per frode fiscale, versando al fisco 6,3 milioni di euro. Ne dà notizia Italia Oggi. Nel 2014 il sondaggista ufficiale del Corriere della sera e di Porta a Porta si era dimesso da ogni incarico e Ispo era andato avanti sotto la presidenza di Luca Cuzzocrea, ma il bilancio 2014 parla chiaro: ricavi crollati a 1,3 milioni di euro, contro i 3,4 mln del 2013, per una struttura di costi, invece, rimasta piuttosto invariata (2,5 mln nel 2014, rispetto ai 2,8 mln del 2013) e una perdita secca di 680 mila euro (341 mila euro di utili, invece, nel 2013). Da un paio di settimane sono senza lavoro i dipendenti di Ispo, messa in liquidazione volontaria il 29 giugno scorso. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tatankayotanka

    29 Luglio 2015 - 13:01

    Quindi, per capirci, il sondaggio sul cazzaro di firenze pubblicato ieri chi l'avrebbe realizzato, se i dipendenti sono senza lavoro dal 29 giugno? Le donne delle pulizie?

    Report

    Rispondi

    • jborroni

      29 Luglio 2015 - 19:07

      farlocco il sondaggio su renzi, come pure le sue dichiarazioni dei redditi!!!!!!!! un parassita in meno.......residuo puzzolente di un 68 marcio

      Report

      Rispondi

    • allianz

      29 Luglio 2015 - 14:02

      No...Lo ha realizzato la Curia di Milano su suggerimento di quella di Firenze.

      Report

      Rispondi

blog