Cerca

Perverso

Poggibonsi, arrestato professore pedofilo: filmava parti intime e piedi alle ragazzine a cui dava ripetizioni

Poggibonsi, arrestato professore pedofilo: filmava parti intime e piedi alle ragazzine a cui dava ripetizioni

Dava ripetizioni di matematica e con una videocamera nascosta filmava le studentesse, tutte minorenni: un "professore" pedofilo è stato arrestato dai carabinieri. I carabinieri della compagnia di Poggibonsi (Siena) lo hanno colto in flagranza mentre, seduto accanto a una ragazzina, a cui impartiva ripetizioni di geometria, ne filmava le parti intime. A finire in manette è un uomo di 42 anni, incensurato, impiegato, con una laurea in matematica, ma che non ha mai insegnato nelle scuole. L'uomo, nelle scorse settimane, come da molti anni a questa parte, aveva dato la propria disponibilità ad impartire lezioni private a studentesse bisognose di recuperare nelle materie scientifiche. L'impiegato non ha avuto difficoltà a trovare genitori che gli chiedessero la cortesia di fare qualche lezione ai propri figli in vista della ripresa dell'anno scolastico. In questo modo l'uomo, nel tempo, era riuscito ad avvicinarsi alle sue vittime: tutte adolescenti.

Pedofilo e feticista - Con la scusa di fare delle ripetizioni, l'impiegato si recava presso il domicilio delle vittime e, dopo aver iniziato le lezioni, grazie ad una mini videocamera, senza che le ragazze potessero accorgersene, effettuava delle riprese alle parti intime, non mancando di soffermarsi su un morboso dettaglio, i piedi, da cui sarebbe stato particolarmente attratto. L'operazione dei carabinieri non avrebbe avuto luogo se non fosse stato per l'arguzia di una giovanissima studentessa che, accortasi di alcune anomalie nel comportamento dell'improvvisato "professore". Con i genitori si è recata presso il comando dell'Arma di Poggibonsi dove ha denunciato alcuni atteggiamenti ambigui ed alcune strane richieste del 42enne. Agli inquirenti la minorenne ha riferito di come l'impiegato che impartiva ripetizioni apprezzasse il fatto che lei indossasse minigonne e sandali e di come l'uomo cercasse sempre delle posizioni che gli consentissero di avere una visuale libera e diretta sulle zone intime.

Colto in flagrante - A poco meno di 12 ore dalla denuncia, i carabinieri hanno organizzato un'operazione che ha consentito di cogliere l'uomo in flagranza di reato. Quando il blitz è scattato, l'impiegato, seduto accanto alla ragazza, è stato trovato con in mano una telecamera puntata sulle gambe della sua studentessa. È scattata immediata la perquisizione nell'abitazione dell'uomo, che ha permesso di recuperare centinaia di dvd pieni di video e foto. Tutto il materiale sequestrato ora è al vaglio degli investigatori per accertarne l'esatto contenuto anche se, per stessa ammissione dell'arrestato, si tratta di files pedo-pornografici e feticisti. Dopo le formalità di rito, l'uomo è stato sottoposto al regime di detenzione domiciliare, in attesa delle decisioni del magistrato competente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini1904

    30 Luglio 2015 - 07:07

    Mi sembra un caso tipico di "reato innocente". Ha ripreso i piedi perché lo fanno eccitare? Embè? Per questo dovrebbe andare in galera? Piuttosto le lezioni private le faceva bene? Era bravo? Questo è quello che conta!

    Report

    Rispondi

blog