Cerca

Tragedia

Padova, trentenne aggredisce carabiniere: il collega spara e lo uccide

Padova, trentenne aggredisce carabiniere: il collega spara e lo uccide

Tragedia nel padovano, nella campagne di Carmignano di Sant'Urbano dove su richiesta dei familiari di un uomo che aveva dato segni di squilibrio sono intervenuti i carabinieri.

Il trentenne che aveva dato in escandescenze prima accetta di salire sull'ambulanza ma poi scappa. Raggiunto da un miliare, l'uomo lo aggredisce, lo prende a pugni, poi lo colpisce violentemente alla testa e al torace con un sasso. A quel punto, per fermare quella furia, interviene un altro carabiniere che prima spara due colpi in aria e poi un terzo contro l'aggressore che viene ucciso.

Sul posto sono subito intervenuti il 118 e i carabinieri del Nucleo investigativo di Padova. Il militare aggredito è ora ricoverato in gravi condizioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Uchianghier

    Uchianghier

    31 Luglio 2015 - 11:11

    Ha fatto benissimo a salvare la vita del collega, peccato che non hanno arrestato i familiari per mancata sorveglianza di un uomo mentalmente instabile e pericoloso.

    Report

    Rispondi

  • lallo11

    31 Luglio 2015 - 10:10

    una volta il motto dei Carabinieri era <obbedire tacendo> adesso è <pigliarle tacendo>

    Report

    Rispondi

  • lallo11

    31 Luglio 2015 - 10:10

    una volta il motto dei Carabinieri era <obbedire tacendo> adesso è <pigliarle tacendo>

    Report

    Rispondi

  • routier

    30 Luglio 2015 - 20:08

    E' un film che abbiamo già visto. Adesso reperiranno un anonimo salone a Montecitorio da dedicare al caro estinto. Poi il carabiniere "pistolero" verrà processato per aver difeso un collega gravemente ferito e un qualche famigliare della povera vittima, alle prossime elezioni sarà eletto "onorevole" W. LI-TAGLIA !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog