Cerca

L'orrore

Fiuggi, tre extracomunitari stuprano un'operatrice del centro di accoglienza che li ospitava

Fiuggi, tre extracomunitari stuprano un'operatrice del centro di accoglienza che li ospitava

Distruggere, aggredire, violentare: una furia cieca quella che, per l’ennesima volta, ha spinto alcuni clandestini arrivati in Italia e che qui sono stati accolti. All’orrore si aggiunge orrore se si considera che quelli coninvolti in questa vicenda sono minorenni. Uno scenario da Arancia meccanica, momenti di autentico terrore in una città nota per essere un tranquillo e ospitale centro termale, Fiuggi, ad un’ora di distanza da Roma. Ecco i fatti, che comunque devono essere ancora oggetto di una ricostruzione ufficiale da parte delle Forze dell’ordine. La dinamica nasconde alcuni punti oscuri. Grande aiuto, nel capire cosa è successo, arriva dal sito di Tele Universo, televisione locale molto informata e diretta da Alessio Porcu.

Fiuggi, sera di giovedì. Cominciano le 24 ore di follia e di violenza di tre ragazzi egiziani di 16 e 17 anni che per sei mesi hanno vissuto piuttosto tranquillamente in una casa d’accoglienza di Fiuggi specializzata in clandestini arrivati senza genitori. Qualcosa scatta in loro e si trasformano. Iniziano a danneggiare i mobili che arredano la struttura e litigano con uno degli inservienti; presto si arriva alle botte. Viene chiamata un’ambulanza che porta al pronto soccorso di Alatri uno degli egiziani e uno degli addetti alla struttura. Finite le medicazioni, il gerente della casa di accoglienza riaccompagna tutti a Fiuggi in macchina: nuovo scoppio di violenza e il ragazzo egiziano – stando alla ricostruzione della polizia – prende una stampella e cerca di strangolare l’uomo, il quale riesce a liberarsi. Nuova corsa in ambulanza, questa volta al Pronto Soccorso dello Spaziani di Frosinone.

Nel frattempo, i tre ragazzi non trovano di meglio che accanirsi sulla macchina del ferito, sfasciando i vetri e prendendo a calci la carrozzeria. Questa volta viene chiamata la polizia dal commissariato di Fiuggi: scatta la denuncia per i ragazzi per lesioni dolose e danneggiamento, uno anche per il tentato omicidio. Siccome però si tratta di minorenni, non li portano via, li lasciano a casa.

Venerdì mattina, secondo atto. Dalla struttura arriva una nuova chiamata, questa volta ai carabinieri, perchè i tre ragazzi hanno aggredito una donna: l’hanno trascinata in un angolo, hanno cercato di spogliarla e di abusarne. Solo l’intervento di alcune persone ha impedito che l’aggressione arrivasse alle estreme conseguenze. I carabinieri li portano in caserma ad Alatri e dopo ore di confronti e interrogatori convalidano l’arresto. Per violenza sessuale di gruppo, lesioni e minacce. Ora i tre si trovano nel carcere minorile di Casale del Marmo a Roma.

Dicevamo, alcuni punti rimangono ovviamente da chiarire, anche perchè in effetti le violenze si sono susseguite in due momenti diversi, e poi i ragazzi per mesi non hanno dato segni di squilibrio e di comportamento violento. In ogni caso, aspettando ulteriori chiarimenti con comunicazioni ufficiali anche da parte delle Forze dell’ordine, questo ennesimo, gravissimo episodio di Fiuggi si va ad aggiungere agli altri sconcertanti fatti accaduti negli ultimi tempi in Italia, che hanno visto protagonisti gli irregolari presenti nel nostro territorio. A Roma, due giorni fa, tre carabinieri sono stati aggrediti da quaranta spacciatori africani che si opponevano all’arresto di uno di loro. Violenza sessuale ai danni di una donna che opera come volontaria in un centro di accoglienza per immigrati anche a Napoli, di recente, che ha coinvolto un cittadino del Bangladesh, fresco di sbarco da una delle tante carrette del mare che arrivano a ritmo sempre più serrato nei nostri porti: solo l’intervento della polizia è riuscito a salvarlo dal linciaggio di una folla inferocita. Nel Veneto ci sono state le clamorose «proteste» di alcuni ospiti di centri di accoglienza che hanno giudicato inaccettabile il cibo offerto loro. Senza contare, poi, che proprio nel Veneto le ultime cifre parlano di stranieri sempre più coinvolti nello spaccio e nell’illegalità.

E poi le violenze nei centri di accoglienza, dove la gente viene lasciata per mesi, senza che si possa capire quale sia il loro destino e senza che ci sia un reale controllo su quello che faranno.

di Caterina Maniaci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lupoclauss

    22 Giugno 2016 - 16:04

    Semplicemente delle bestie accolte da traditori e infiltrati che abbiamo nelle cosiddette istituzioni. I RINNEGATI che ci stanno facendo invadere e stracciato la Costituzione andrebbero processati per alto tradimento a cominciare dalla INGLORIOSA MARINA che mai ha difeso nella sua storia il suolo nazionale. Ora si dedica alla raccolta (a chiamata) di tutti i clandestini nel mediterraneo.

    Report

    Rispondi

  • viola52

    15 Gennaio 2016 - 16:04

    questi sarebbero quelli che dovremmo accogliere nelle nostre case secondo il governo Renzie????...siamo stufi di essere presi per il naso con il buonismo e le religioni.....

    Report

    Rispondi

  • albaval

    15 Gennaio 2016 - 14:02

    Mandateli a casa della presidente

    Report

    Rispondi

  • viola52

    01 Dicembre 2015 - 17:05

    c'è sempre qualcuno che ammantato di buonismo e ingenuità pensa che tutti al mondo siano buoni e gentili... ogni tanto succede che il caso regali loro esperienze di vita vera e non quella delle favole per farli tornare con i piedi in terra e smettere di fare danni ai loro concittadini.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog