Cerca

I ladroni del cibo

Ristorazione, i clienti in fuga per non pagare la cena: l'aumento esponenziale del fenomeno

Reato di insolvenza fraudolenta: i ristoratori se la prendono con chi scappa senza pagare il conto

Con le belle serate estive cenare all'aperto è un piacere che tutti gli italiani vogliono concedersi, a patto di pagare il conto. Non tutti i clienti però, una volta posate forchette e coltelli, saldano quanto dovuto. Già, perché come spiega La Stampa, il fenomeno del "mangia e scappa" è in aumento esponenziale, tanto che il direttore della Federazione italiana pubblici esercizi, Marcello Fiore, denuncia: "Il vero dramma è che abbiamo strumenti limitati per intervenire contro il reato di insolvenza fraudolenta. Non è possibile trattenere il cliente contro la sua volontà perché si andrebbe incontro al reato di sequestro di persona. Bisogna aspettare le forze dell’ordine".

Gli "stagionali" - Recentemente i "ghiottoni in fuga" hanno creato il panico in una pizzeria famosa di Salerno. Due giovani coppie di "buone forchette stagionali" hanno mangiato, ma poi si sono dati alla fuga continuando il loro weekend di ferie con il portafoglio ancora gonfio. Il gestore del locale, spiazzato dal gesto ha dichiarato nello sconforto: "Non erano del posto, altrimenti li avrei riconosciuti. Non avevo tempo da perdere con le denunce".

Eserciti del fuggi fuggi - Se le coppie stagionali sono un incubo, figuriamoci le comitive. Il titolare di un ristorante in provincia di Udine si è trovato di fronte ad una vera e propria fuga di massa, altro che forno acceso lasciato in casa, : "Erano una cinquantina di persone. Alla cassa sono venuti in sette ma appena ho comunicato il conto (2.500 euro, la metà in consumazioni alcoliche) si sono dileguati: ho provato a rincorrerli in auto, ma niente". Nella schiera dei tirchi non mancano nemmeno gli organizzatori di cerimonie. In provincia di Perugia infatti, un cinquantenne ha organizzato la comunione della figlia in un ristorante e alla vista del salatissimo conto, alla strisciata della carta di credito ha preferito scegliere la via di casa. "Sessanta persone si sono volatilizzate in un attimo. Una vera e propria fuga da organizzazione militare", ha raccontato il ristoratore.

Gli scrocconi seriali - Molti ladroni di cibo invece sono dei recidivi e ne hanno fatto addirittura una professione. Un signore sulla cinquantina è stato schedato da alcuni operatori della zona perché dopo aver pranzato ha promesso di saldare il conto la sera, visto che sarebbe tornato per cenare con gli amici. Ovviamente di lui si sono perse le tracce. Comunque il 40 % degli 'scrocconi seriali' sono fumatori e approfittando della pausa nicotina, si dileguano tra la nube di fumo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tunnel

    08 Agosto 2015 - 17:05

    Mi dispiace soltanto che: queste persone sono Stranieri...

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    03 Agosto 2015 - 17:05

    il furto è il reato di insolvenza fraudolenta se denunci qualcuno per tale reato nessun giudice ti darà ragione, prima di servire il cliente ti devi assicurare che abbia i soldi per pagare. io purtroppo questa triste esperienza l'ho fatta ho pure rischiato querela per calunnia da parte dell'insolvente (ladro perché uno che non paga tale è).

    Report

    Rispondi

    • viola52

      09 Agosto 2015 - 08:08

      quindi cosa deve fare un povero ristoratore??? chiedere un fido in garanzia al cliente prima di servirlo??? https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-far-rispettare-la-capacit%C3%A0-contributiva-che-%C3%A8-un-principio-fondamentale-del-diritto-tributario-espressamente-sancito-dall-art-53-della-costituzione?recruiter=58603474&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink

      Report

      Rispondi

  • ambastianelli

    03 Agosto 2015 - 13:01

    morti di fame!!!

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    03 Agosto 2015 - 13:01

    secondo voi il comportamento dei nostri politici è forse diverso? .di domanda

    Report

    Rispondi

    • viola52

      09 Agosto 2015 - 08:08

      no..non è per niente diverso....infatti : da Repubblica : Onorevoli smemorati, dimenticano i debiti lasciati alla buvette Negli uffici di Montecitorio è arrivato un elenco di 34 ex deputati che non hanno saldato. Arretrati per 20mila euro.... https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-far-rispettare-la-capacit%C3%A0-contributiva-che-%C3%A8-un-principio-fondamentale-del-diritto-tributario-

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog