Cerca

In Campania

Profugo tenta di accoltellare titolare del centro accoglienza, fermato

Profugo tenta di accoltellare titolare del centro accoglienza, fermato

A Capaccio, in provincia di Salerno, un profugo ha tentato di accoltellare il proprietario del centro accoglienza. Come riporta ottopagine.it, solo l'intervento dei carabinieri ha evitato che l'episodio finisse in tragedia. M.B., anni 32, del Gambia, aveva avuto una violenta lite con altri ospiti del centro "El Pueblo" in via Hera, nel salernitano. Per sedare la rissa è intervenuto il titolare del centro profughi e il gambese ha tentato di accoltellarlo.

L'uomo avrebbe problemi con l'alcol e nell'ultimo mese sarebbe stato trasporatato più di una volta al Sert di Agropoli. Gli operatori credevano che il gambese fosse guarito, ma ieri sera ha avuto un altro raptus di follia. Durante la furoisa lite, l'uomo sarebbe stato fermato dal titolare della struttura e avrebbe reagito male. Ha preso un coltello da cucina e avrebbe minacciato il titolare. Leone ha allarmato le forze dell'ordine. I carabinieri hanno ammanettato il giovane: era ubriaco e ora è in stato di fermo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    28 Agosto 2015 - 18:06

    Bisogna fucilarli tutti in un campo di sterminio...la guerra ormai è imminente !

    Report

    Rispondi

  • allianz

    04 Agosto 2015 - 14:02

    Questi sono i nuovi italiani che vorrebbe il venditore di pentole assieme al Dentone Ministeriale.

    Report

    Rispondi

  • carpa1

    04 Agosto 2015 - 09:09

    Almeno voi di LIbero e del Giornale perchè non la smettete di chiamarli profughi e non li chiamate invece col loro vero nome: CLANDESTINI? Perchè questo sono, visto che si tratta per il 99% di baldi giovani, non denutriti, e che lasciano, se è vero, a crepare nell'indigenza (in mezzo alle guerre???) i famigliari (donne,vecchi, bambini).

    Report

    Rispondi

  • marco53

    04 Agosto 2015 - 02:02

    Fanno bene! A quegli accattoni che li ospitano dovrebbero togliere anche le chiavi dell'albergo e cacciarli a pedate. Presto Renzi e Alfano esproprieranno le seconde case degli italiani, per metterci dentro la feccia nera. La Kyenge lo aveva già suggerito, e anche la Boldrina le ha fatto eco.

    Report

    Rispondi

    • allianz

      04 Agosto 2015 - 15:03

      L'ntenzione è quella.Allo stato attuale rimane solamente una idea.Se dovessero applicarla,Santa Carbonella da Padova e santa Laura Martire saranno prossime ad una precipitosa fuga.Forse sarà la volta buona che gli italiani si toglieranno di dosso la rassegnazione e l'apatia REAGENDO.La rassegnazione è la morte dei popoli.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog