Cerca

Hotel

A Venezia spunta l'ecomostro: un grande cubo che fa arrabbiare la città

A Venezia spunta l'ecomostro: un grande cubo che fa arrabbiare la città

Dopo cinque anni di attesa e una serie infinita di polemiche sulla sua costruzione, è stata scoperta mercoledì scorso la nuova ala dell'hotel Santa Chiara, con la facciata che dà sul Canal Grande. E non è stata una bella sorpresa per i veneziani: quello che è apparso è un grande cubo bianco in pietra, del tutto dissimile dalla parte storica dell'hotel di proprietà di Elio Dazzo e destinato a creare inevitabili polemiche per il suo impatto, con Italia Nostra che grida allo scandalo. La nuova ala dell'albergo ospiterà 19 stanze e un parcheggio interrato da 16 posti-auto per i clienti dell'albergo. L'edificio è stato progettato dagli architetti Antonio Gatto, Dario Lugato e Maurizio Varratta. 

«'N a scarpa e un socòlo», scrive oggi il Corriere della sera: una scarpa e uno zoccolo: "di là l'antico, piccolo e gentile albergo serenissimo, di qua il cazzotto cementizio bollato subito come un motel di Segrate. Con tutto il rispetto per i motel e per Segrate". Un ecomostro che rovina il panorama di Venezia.
Il Corriere del Veneto ha chiesto ai suoi lettori se il nuovo edificio fosse di loro gradimento. Risposta: 12,3% sì, 87,7% no. Vittorio Sgarbi non usa mezze misure: "E' una vergogna. Dovrebbe essere abbattuto e la soprintendente che ha dato l'ok essere dimissionata all'istante"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • adrianofava

    08 Agosto 2015 - 10:10

    Mi chiedo ma a cosa pensavano gli "esperti" che hanno approvato il progetto.....alle mazzette ???? Li manderei tutti in galera !!!!!

    Report

    Rispondi

  • renatoslt815

    07 Agosto 2015 - 18:06

    IL cubo anzi il culo dovrebbero farlo a chi ha permesso quest'obbrobrio, pensando che in certe località della Liguria non è permesso nemmeno cambiare finestre o persiane per mantenere tutto come una volta ed idem per i tetti in alcune località c'è un qualche miserabile incompetente che lascia costruire in cotesta maniera, personalmente io gli farei ben altro

    Report

    Rispondi

    • enricorivo

      08 Agosto 2015 - 10:10

      La Liguria è proprio l'esempio sbagliato, caprone, Se c'è una costa devastata dalla brutta architettura quella è la Riviera di Ponente.

      Report

      Rispondi

  • alby118

    07 Agosto 2015 - 15:03

    Che schifo !! Ma chi lo ha autorizzato ?? Coi Lego da bambino facevo molto meglio e poi te pareva che non ci fosse qualcuno che commentasse "che bello !! ", " che contrasto !! ".Sappiatemi spiegare l'originalità di questo edificio, un cubo di cemento che riesce solo a svilire la bellezza del palazzo posto al suo fianco.

    Report

    Rispondi

  • enricorivo

    07 Agosto 2015 - 13:01

    Sarebbe stata meglio un'architettura moderna veramente provocatoria ma con un progetto di alta qualità che la modestia di questo progetto degno di un motel di infima categoria. Poi le sopraintendenze sono spesso gestite da coglioni e coglioncelle saccenti quanto ignoranti.

    Report

    Rispondi

    • renatoslt815

      07 Agosto 2015 - 18:06

      Ma che cacchio scrivi architettura moderna pensa al ponte di Calatrava e poi tagliati qualcosa

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog