Cerca

Tragedia in Salento

Gallipoli, 19enne morto in discoteca: "Un ragazzo gli ha offerto quella bottiglia"

Salento, mistero sulla morte del ragazzo al Guendalina.

Lorenzo Toma domenica notte stava ballando al Guendalina, una delle discoteche più famose del Salento. Secondo la testimonianza dell'amica che era con lui, verso la fine della serata si è avvicinato un ragazzo fra i 18 e i 24 anni, offrendo loro una bottiglia di lemonsoda. Lei rifiuta, lui fa un paio di sorsi. Poco dopo si sente male, si accascia a terra. Iniziano i tentativi di rianimarlo, respirazione bocca a bocca, massaggio cardiaco in attesa che arrivino i soccorsi. L'ambulanza ci mette quaranta minuti ad arrivare, e Lorenzo è già morto.

Il motivo - Come afferma il manager del Guendalina, ancora sotto shock, alle attuali conoscenze non è ancora possibile stabilire per quale motivo il diciannovenne sia morto. Gli amici affermano con sicurezza che se Lorenzo fosse morto a causa di un mix di droghe, non le avrebbe assunte di sua spontanea volontà. Il tutto è accaduto intorno alle 6.30 del mattino. La comitiva di cui faceva parte Lorenzo era stata controllata prima dell'inizio della serata, intorno all'una e trenta di notte, da alcuni carabinieri in borghese che si occupano del servizio anti-droga servendosi anche dei cani. La macchina dei ragazzi era pulita, nessuna traccia di droga: gli agenti li hanno lasciati andare verso il Guendalina, per passare la serata ballando e divertendosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mrcinquantatre

    11 Agosto 2015 - 20:08

    Quando la sfortuna perseguita le persone. A pomeriggio in provincia di Lecce è deceduto, in un incidente stradale, un pro zio del ragazzo. Questi stava tornando da Lecce dopo aver partecipato ai funerali del nipote.

    Report

    Rispondi

blog