Cerca

La mostra

Senigallia, dibattito con Petros Markaris il Camilleri greco e una mostra imperdibile su Dylan Dog e il fumetto giallo

Senigallia, dibattito con Petros Markaris il Camilleri greco e una mostra imperdibile su Dylan Dog e il fumetto giallo

Il giallo come genere letterario privilegiato per raccontare la crisi economica greca. E’ Questo uno dei temi  della quarta edizione di Ventimilarighesottoimari in Giallo, il festival in programma a Senigallia dal 19 al 25 agosto organizzato dal Comune in collaborazione con la Fondazione Rosellini per la letteratura popolare e la libreria Iobook. Un appuntamento che sta ormai proiettando Senigallia tra le mete preferite dei tantissimi amanti del genere e che quest’anno ruota attorno alla presenza di uno dei più importanti autori noir europei: il greco Petros Markaris.

Proprio i temi cari a Markaris, papà del Commissario Charitos, sono di particolare attualità visto che questo autore ha prima di tutti gli altri  posto al centro dei suoi romanzi ( titoli di coda, l’ultimo suo libro pubblicato da Bompiani)   la crisi economica in Grecia, raccontando un’Atene congestionata dal traffico ed avvelenata dagli intrecci con la corruzione. Lo scrittore greco sarà a Senigallia il 21 agosto dove, nel suggestivo scenario della Rotonda a Mare, dialogherà sul tema del noir mediterraneo con Alberto Sironi, regista della fortunatissima serie televisiva sul commissario Montalbano.

Questa edizione del festival, che ha ospitato in passato scrittori importanti come Maurizio de Giovanni, Marco Malvaldi, Loriano Macchiavelli, Francesco Guccini ed Arne Dahl, si presenta particolarmente ricca ed interessante  Una settimana di incontri, presentazioni di libri, mostre, visite guidata alla camera gialla letture animate per bambini sul tema della paura, reading, citazioni gastronomiche. Tra gli autori, oltre a Markaris, da citare tra gli altri Stefano Benni con il suo Cari Mostri, Alessandro Robecchi, Giampaolo Simi ed una lectio magistralis su la donna della domenica di Fruttero & Lucentini affidata al critico letterario Massimo Raffaelli. Appuntamenti anche con i misteri della storia come quello affrontato da Arcangelo Ferri nel suo libro Bombardate Auschwitz o con gli episodi controversi della cronaca recente come l’ultimo chilometro di Marco Pantani, incontro con Andrea Rossini e Francesco Ceniti.

La sezione giallo a fumetti propone a Palazzo del Duca una mostra dedicata a Dylan Dog detective dell’incubo, il caso più rilevante di successo popolare del fumetto italiano che ha saputo intercettare come nessun altro le inquietudini e le incertezze di un’intera generazione. Per il giallo civile invece riflettori puntati sulla strage di Bologna con la proiezione del documentario di Matteo Pasi: un solo errore, Bologna 2 agosto 1980. Durante il festival sarà possibile partecipare a visite guidate gratuite della Camera Gialla, la sede della Fondazione Rosellini che contiene tutti i libri gialli pubblicati in Italia. A Senigallia, una delle capitali della buona cucina, non poteva mancare una sezione noir & food con un omaggio alla cucina greca che in onore di Markaris alcuni ristoranti della città presenteranno durante il festival.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog