Cerca

Visita annullata

L'Aquila scontri e proteste: Renzi fugge dai contestatori

L'Aquila scontri e proteste: Renzi fugge dai contestatori

Contestazioni a L’Aquila in attesa dell’arrivo del premier Matteo Renzi.  "L’Aquila libera, mai la mafia, non la vogliamo". Così un gruppo di manifestanti ha scandendo slogan, accompagnati da striscioni di protesta, poco prima dell’arrivo in città del premier . Ad inscenare la protesta, in particolare, sono i comitati "3 e 32" e "Ombrina mare". Tra la folla e le forze dell’ordine c’è stato anche un piccolo contatto subito arginato dal cordone di sicurezza. In un altro striscione campeggia la scritta «Renzi non ti vogliamo, vattene. L’incontro tra il presidente del Consiglio e le istituzioni politiche della città e della regione era in programma a palazzo Fibbioni, nel cuore del centro storico della città devastata dal sisma del 6 aprile del 2009. La visita del primo ministro a L’Aquila era stata annunciata più volte, e poi smentita, da circa un anno e mezzo. E proprio per queste manifestazioni di protesta è saltata la prima tappa del premier prevista al Comune. Dovrebbe recarsi direttamente al laboratorio di Fisica nucleare del Gran Sasso, secondo
appuntamento di calendario della sua visita in Abruzzo.T

Il summit - Temi centrali del summit aquilano saranno, in particolare, i fondi governativi per la ricostruzione post sisma e il problema della restituzione di tributi e contributi sospesi a causa del terremoto con la legge nazionale n. 183 del 2011. Con questo provvedimento lo Stato aveva disposto la restituzione alle imprese del cosiddetto cratere sismico al 40% dei tributi e contributi. Agevolazioni sempre concesse dallo Stato per qualsiasi calamità naturale fin dal 1990. Tuttavia l’Unione europea ha aperto una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia, per la quale viene richiesta la restituzione di tali agevolazioni fiscali, poichè Bruxelles doveva essere informata prima dell’entrata in vigore della legge n. 183 del 2011, cosa che, effettivamente, non è avvenuta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    27 Agosto 2015 - 00:12

    Hanno fatto bene sia gli Aquilani che tutti gli abruzzesi sulle coste che sono anni che non vogliono le trivelle lungo la costa anche le Marche pare che siano sulla stessa linea, questi B........i perché non fanno un referendum? o ce chi deve prendere qualche c.....a dai petrolieri?

    Report

    Rispondi

  • tontolomeo baschetti

    26 Agosto 2015 - 17:05

    begeca - come mai i telegiornali non ne hanno parlato, mentre quando Berlusconi (negli stessi posti) elargiva del "bene" ne parlavano tutti? Vai tu Silvio ....

    Report

    Rispondi

  • Placido Olivieri

    26 Agosto 2015 - 09:09

    Questo fanfarone dovrebbe fuggire non dall'Aquila ma dall'Italia assieme ai suoi accoliti e toglierci il disgusto di vedercelo sempre tra i piedi. Per primo dovrebbe portare con se il deputato davide faraone che sul sito della Camera non pubblica nemmeno il suo titolo di studio,ma ha avuto la capacità di rovinare la scuola italiana con la sua incompetenza e aspira a fare il Governatore di Sicilia.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    26 Agosto 2015 - 09:09

    Ti conviene salire al colle dall'amico tuo e rassegnare le dimissioni.Prima che sia troppo tardi per te...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog