Cerca

Giallo a Catania

Biancavilla, uomo ucciso a bastonate: fermata la moglie, forse non sono stati ladri

Biancavilla, uomo ucciso a bastonate: fermata la moglie, forse non sono stati ladri

Clamorosa svolta nell'omicidio di Alfio Longo, il 67enne trovato morto a Biancavilla, nel Catanese. È stata fermata la moglie, Vincenzina Ingrassia, che ha confessato il brutale assassinio. "Aveva scatti d'ira - ha spiegato agli inquirenti - l'ho ucciso perché ero stanca di subire". Non è stata dunque l'opera di ladri, come ipotizzato in una prima versione. Nella ricostruzione iniziale, l'uomo avrebbe sorpreso dei malviventi nella propria casa e dopo aver cercato di reagire è stato massacrato a bastonate sotto gli occhi della moglie. La donna, legata e immobilizzata, si sarebbe liberata dando l'allarme. Una versione che però non ha convinto gli inquirenti.

La versione non ha retto - La donna 63enne aveva raccontato che due persone, armate di pistola, si erano introdotte nella loro casa e, dopo una breve colluttazione, avrebbero legato i due coniugi con delle strisce ricavate da un lenzuolo. Il marito, sempre
secondo il racconto, non aveva ceduto alle minacce e non aveva rivelato dove la coppia custodiva i soldi. I malviventi, a quel punto, lo avevano picchiato e colpito a morte al cranio con un ciocco di legno raccolto nel giardino dell'abitazione. La
donna, subito dopo, era riuscita a liberarsi ed a chiamare i carabinieri ai quali aveva poi raccontato quello che, secondo il suo racconto, era accaduto. È bastato il sopralluogo effettuato dagli uomini del Ris per mettere in luce le incongruenze del suo racconto. Lo studio dei dati tecnici fatto dai militari del reparto operativo unitamente a quelli del reparto crimini violenti ha poi confermato i sospetti. A quel punto gli inquirenti, coordinati dal magistrato della Procura etnea, hanno cominciato un estenuante interrogatorio che si è protratto per tutta la notte. Alla fine Vincenzina non ha potuto fare altro che ammettere le
proprie responsabilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mina2612

    29 Agosto 2015 - 00:12

    Povera donna, quanto avrà patito in tutta la sua vita accanto a quella bestia! Ha fatto bene! Basta con i padri/mariti padroni... dovrebbero essere denunciati sempre, ma si sa, la legge non esiste per questi reati troppo personali.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    28 Agosto 2015 - 20:08

    Uccidere, uccidere...sembra la migliore soluzione per ogni male.!!! Invece denota codardia nel denunciare quei fatti per cui, forse, ha fatto scattare la follia. Una povera persona che tuttavia non merita pietà

    Report

    Rispondi

  • mina2612

    28 Agosto 2015 - 18:06

    Povera donna, quanto avrà patito in tutta la sua vita accanto a quella bestia! Ha fatto bene! Basta con i padri/mariti padroni... dovrebbero essere denunciati sempre, ma si sa, la legge non esiste per questi reati troppo personali.

    Report

    Rispondi

  • tontolomeo baschetti

    28 Agosto 2015 - 14:02

    Peggio di un italiano, solo un altro italiano. (Frase del 1924, sempre valida.)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog