Cerca

Pericolo in aumento

Incidenti stradali: per colpa degli smartphone sale il numero degli infortuni

Incidenti stradali: per colpa degli smartphone sale il numero di infortuni

La Polizia stradale lancia l'allarme: "Gli incidenti mortali sono in notevole aumento sulle strade italiane, con un picco nello scorso mese di luglio, in particolare nella fascia oraria notturna". Lo rivela il primo piano della Polizia Moderna, il mensile ufficiale delle forze dell'ordine, basandosi sull'incrocio dei dati rilevati dalla Polizia e dai Carabinieri durante l'anno corrente. Le vittime che hanno perso la vita per strada durante i primi 7 mesi del 2015 sono 972, in notevole aumento se si pensa che l'anno prima la cifra era di 952. Le cause di questo trend negativo sono dovute all'eccesso di velocità, alla guida irresponsabile sotto l'effetto di alcool e droga ma soprattutto all'uso spasmodico dei telefoni cellulari. "Si aggiunge oggi un ulteriore elemento di distrazione, quello legato alla tecnologia, che distoglie l'attenzione dalla guida per fare contemporaneamente anche altro: messaggiare, scrivere email e addirittura scattare selfie", si legge dal responso.

Cinture una volta allacciate - I tratti urbani sono quelli più colpiti dall'aumento degli incidenti a causa dello stile di vita più stressante e frenetico. Se le cinture nei sedili posteriori proprio sono un optional, spesso per i tratti brevi vengono ignorate anche dal guitadore e dal suo dirimpettaio di posto. Ovviamente questa negligenza si rivela poi fatale in caso di crash poichè in seguito all'urto i passeggeri non imbracati vengono catapultati fuori dall'abitacolo.

Vecchi catorci - Infine ci si mette anche la crisi di mezzo. "Il parco autovetture del nostro Paese sta infatti invecchiando", scrive il periodico della Polizia. Mancando i soldi per la cura delle vetture, inevitabilmente viene meno anche l'affidabilità dell'automobile, generando la conseguente necessità di "controlli più stringenti e l'esigenza di maggiore manutenzione dei veicoli. Verifiche sulle revisioni con particolare attenzione ai pullman che accompagnano le scolaresche sono comprese in queste misure ad hoc".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • esasperata49

    29 Agosto 2015 - 15:03

    per togliere il vizio a tanti "idioti" non sarebbe possibile che qualche cervellone inventasse una schermatura alle autovetture che inibisca qualsiasi uso di cellulare e altro? e poi signori è così necessario appena saliti in macchina chiamare subito qualcuno? ci siamo mai domandati come facevamo a vivere qualche decennio fa senza cellulare?

    Report

    Rispondi

  • totareo

    29 Agosto 2015 - 09:09

    polizia e gli organi di stato a raccontano palle. i sistemi elettronici che hanno installato avrebbero dovuto rislvere il problema ;hanno riempito le casse dei comuni provincie e regioni.la sicurezza non dipende dallo stato del veicolo ,dalle strade dalle rotonde o dai semafori ma esclusivamente dall'autista basterebbe la sanzione agli incidenti,certamene soffrirebbero le casse pubbliche

    Report

    Rispondi

  • er sola

    29 Agosto 2015 - 00:12

    Vanno inasprite le pene per chi usa il telefonino alla guida. Poiché Polizia e Carabinieri hanno cose più importanti da fare, andrebbe formato un gruppo di volontari giurati che senza divise o segni di riconoscimento e senza alcun compenso, fornisca le foto che documentino le infrazioni commesse dagli automobilisti che usano il cellulare guidando.

    Report

    Rispondi

  • cesarezac

    29 Agosto 2015 - 00:12

    Una analisi precisa. Finalmente! Quanto ai vecchi catorci e le revisioni non occorrono mezzi tecnologici per la verifica, è sufficiente un controllo sulle auto in sosta, un numero incredibile non è in regola con l'assicurazione, e di revisione non ne hanno mai vista una. per il cellulare alla guida ormai è una consuetudine accettata anche dalle forze dell'ordine.

    Report

    Rispondi

blog