Cerca

L'idea

Giubbotto catarifrangente per le lucciole nel cremonese. La decisione del sindaco

Giubbotto catarifrangente per le lucciole nel cremonese. La decisione del sindaco

Giubbotto catarifrangente e pantaloni per le prostitute. Sono le nuove norme del codice d'abbigliamento stabilito in un piccolo paese in provincia di Cremona, Spino d'Adda, dal sindaco Paolo Riccaboni. Con un' ordinanza entrata in vigore il 28 agosto si stabilisce infatti che le prostitute dovranno indossare il giubbotto catarifrangente per tutta la giornata e i pantaloni dalle 18 alle 8 del mattino. Per chi non rispetta l'ordinanza la sanzione sarà di 500 euro. Nel caso di ripetizione del reato nell'arco di sei mesi scatterà anche la segnalazione alla Procura della Repubblica.

I motivi dell'ordinanza - Sulla strada che attraversa Spino d'Adda, si possono trovare sempre una decina di ragazze, vestite in modo succinto e provocante, che esercitano la professione più antica del mondo, in prevalenza originarie dei paesi dell'est. Il via vai inizia già verso le 18, quando i primi clienti accostano per contrattare con le ragazze. Il traffico aumenta notevolmente nelle ore notturne. Il sindaco ha approvato questa ordinanza per porre un limite al mercato del sesso a pagamento ed eliminare gonne e tacchi a spillo dalle strade del paese. 

I risultati - Per ora l'ordinanza non sembra aver risolto il problema, infatti le prostitute continuano ad appostarsi lungo la strada vicino al paese nelle loro zone abituali e nessuna indossa il giubbotto catarifrangente né i pantaloni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • etano

    03 Settembre 2015 - 14:02

    Chissà sotto Natale di sera come saranno suggestive quelle fluorescenti e illuminate con giochi di luce.

    Report

    Rispondi

  • etano

    03 Settembre 2015 - 14:02

    Chissà sotto Natale di sera come saranno suggestive quelle fluorescenti e illuminate con giochi di luce.

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    03 Settembre 2015 - 12:12

    Giusto, per la sicurezza stradale. Sono ben visibili e si possono evitare incidenti per i frettolosi ed un bel segnale per gli interessati. Approvato.

    Report

    Rispondi

  • Altrui

    03 Settembre 2015 - 12:12

    Bravi! E' così che si comincia! A presto il chador per tutte le donne!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog