Cerca

Il caso

Cremona, giubbotto catarifrangente obbligatorio per le prostitute: e le lucciole si dividono

Cremona, giubbotto catarifrangente obbligatorio per le prostitute: e le lucciole si dividono

Le prostitute provenienti dall’Africa lo hanno già indossato, invece quelle arrivate dall’Est si ribellano. Sono contrastanti le reazioni a caldo all’ordinanza con cui il sindaco di Spino d’Adda, Paolo Riccaboni (alla guida di un’amministrazione di centrodestra), ha introdotto per le escort (una decina) delle strade intorno al piccolo paese del Cremonese l’obbligo di infilarsi, dalle 8 alle 18, il giubbino catarifrangente e, dalle 18 alle 8, anche i pantaloni con le strisce luminose. Per chi sgarra è prevista una multa di 500 euro. Come aveva promesso, il vicesindaco con delega alla Sicurezza, Luciano Sinigaglia (Lega Nord), 64 anni, agente di commercio, il vero «padre» del provvedimento che sta facendo discutere, ha acquistato di tasca sua le «casacche».

Giubbotto catarifrangente per prostitute. Secondo voi...
Vota il sondaggio su Liberoquotidiano.it

Insieme con il comandante della polizia locale, Gaetano Papagni, e la vigilessa Alberta Secchi, ha distribuito, tra venerdì notte e sabato mattina, l’abbigliamento alle dirette interessate, facendo anche loro firmare l’ordinanza per presa visione, in modo da avere la certezza che ne siano a conoscenza e non ci siano alibi. Cristina, romena, 22 anni, minigonna inguinale, «esercita» sul piazzale di una stazione di servizio. Ha poca voglia di parlare e anche rispettare il giro di vite: «Non so cosa farò, dipende da come mi gira la testa. E poi ci metto poco a mettere insieme i 500 euro». Una sua connazionale meno giovane e attraente, con postazione fissa sull’aiuola di un rondò con vista su villette e palazzi, dice che si sposterà nei comuni vicino, dove l'ordinanza non è in vigore. Se le «lucciole» europee entrano in scena la notte, quelle di colore si muovono di giorno, con turni dalle 11 alle 16.

Ieri, intorno a Spino d’Adda, ce n’erano tre, alcune delle solite: Pamela e Giulia, 26 e 20 anni, partite dal Ghana, e una trentenne nigeriana. Indossavano tutte il giubbino. Il perché lo ha spiegato Giulia, la più giovane: «Non vogliamo pagare la sanzione anche se, vestite in questo modo, abbiamo paura di perdere clienti». Esattamente l’obiettivo che gli amministratori si prefiggono con l’ordinanza, come spiega il vicesindaco: «Coprirsi significa per loro non poter più mettersi in mostra e, quindi, lavorare di meno. É anche una questione di decoro: andatelo a chiedere a quelli che abitano nelle case a ridosso dei punti in cui si svolge questo mercato». Dai prossimi giorni, ora che la campagna informativa sul nuovo obbligo è stata completata, fioccheranno, se necessario, i primi verbali. Il Comune è deciso a fare sul serio: per riscuotere le multe dalle prostitute non residenti nel nostro Paese e, quindi, non a rischio Equitalia, si passerà attraverso l’ambasciata.

di Giuseppe Olivetti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Francostars

    07 Settembre 2015 - 17:05

    Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell'Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso.

    Report

    Rispondi

    • allianz

      08 Settembre 2015 - 09:09

      Macchè ricorso...Le multe una volte iscritte a ruolo non verranno MAI pagate.Questa è gente che non ha nulla da perdere,e quindi se ne fregano.E le multe verranno spalmate sui cittadini.Lo stato ladro ed arraffone pretende la sua parte.Quindi?Meglio che i solerti vigili lasciano il blocchetto nella sua custodia.

      Report

      Rispondi

  • allianz

    07 Settembre 2015 - 15:03

    Con il giubbotto rinfrangente si vedranno ancora meglio.Dove sta il problema?

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    07 Settembre 2015 - 10:10

    ...ecco loro per esempio sono evasori fiscali!!Si parla tanto di scovare gli evasori e poi sono costantemente sotto i nostri occhi...

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    06 Settembre 2015 - 19:07

    Una lucciola ha detto che il giubbotto - se possibile - lo vuole a pois!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog