Cerca

Guerra in Vaticano

L'assist di Ratzinger agli anti-Bergoglio

L'assist di Rarzinger agli anti-Bergoglio

Cinque ottobre 2015: inizia il Sinodo sulla famiglia, seconda sessione. E si apre una pagina quasi epocale per la Chiesa intera. In gioco c' è, soprattutto, la sfida posta dalla modernità: le rivoluzioni copernicane in fatto di famiglia, unioni civili, sesso, identità, valori, migrazione e accoglienza, devono essere accolte o respinte, oppure, ancora, mediate? E quanto potranno incidere sulla struttura stessa della Chiesa... Cambierà il modo di vivere il sacerdozio? Sono questioni centrali e su di esse, com' è già successo molte volte nel corso della sua storia millenaria, le posizioni si radicalizzano. A poche settimane dalla convocazione sinodale il confronto si è trasformato a volte in scontro acceso. 


Inevitabile che il Pontefice sia coinvolto, ma siccome viviamo in una stagione inedita, e convivono un Papa regnante e uno dimissionario, succede anche che papa Benedetto XVI si «affacci» alla ribalta. O meglio, che sia fatto «riaffacciare». Lo schieramento «novista», come è stato definito, o modernista, o ancora aperturista, sostiene di «interpretare» il pensiero di papa Bergoglio.  Finendo poi per essere molto più realista del re. Chi invece si ritrova nell' ormai nutrito gruppo opposto, indica nel Papa emerito, cioè in Ratzinger, il proprio riferimento. Nei giorni scorsi si sono verificate alcune circostanze che danno il senso concreto di quanto sta avvenendo.


Per tutta l' estate ha molto fatto discutere la pubblicazione di alcuni libri, in vista del Sinodo. Due raccolgono interventi di cardinali e vescovi che si oppongono alle correnti di cambiamento della dottrina e della pastorale matrimoniale, che hanno nel cardinale Walter Kasper il loro esponente di spicco. Un altro libro che ha fatto molto discutere si intitola Dio o niente, l' ha scritto il cardinale guineano e carismatico Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino, è uscito in Francia lo scorso febbraio e, visto l' enorme interesse che ha suscitato, sta per uscire in altre nove edizioni. Inclusa quella italiana. Il libro è stato presentato qualche giorno fa a Ratisbona, in Germania (luogo «evocativo» per il pontificato di Joseph Ratzinger). Era presente il cardinale Gerhard Müller, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, che ha rilasciato dichiarazioni forti, come ha ricordato ieri Il Foglio. Ossia, a quanti sostengono che in discussione ci sia solo la prassi pastorale, che può essere modificata e adeguata ai tempi correnti, non certo la dottrina, il porporato ha ricordato che «si dovrebbe esere molto vigili e non dimenticare la lezione della storia della Chiesa», visto che è stato sulla questione della separazione tra dottrina e pastorale che è poi sorta la rivoluzione protestante del 1517. Insomma, è stata evocata la grande ombra dello scisma.


La prefazione all' edizione tedesca del volume di Sarah è stata scritta dall' arcivescovo Georg Gänswein, prefetto della Casa pontificia e segretario personale di Benedetto XVI. Il Papa emerito ha voluto esprimere al cardinale Sarah il suo apprezzamento con una lettera. Tra le altre cose ha scritto: «Ho letto Dio o niente con grande profitto spirituale, gioia e gratitudine. La sua testimonianza della Chiesa in Africa, della sua sofferenza durante il tempo del marxismo e di una vita spirituale dinamica, ha una grande importanza per la Chiesa, che è un po' spiritualmente stanca in Occidente. Tutto ciò che lei ha scritto per quanto riguarda la centralità di Dio, la celebrazione della liturgia, la vita morale dei cristiani è particolarmente rilevante e profondo. La sua coraggiosa risposta ai problemi della teoria del gender mette in chiaro in un mondo obnubilato una fondamentale questione antropologica».
Ora che si avvicina la seconda sessione del Sinodo scendono in campo in difesa della dottrina e della pastorale tradizionali del matrimonio undici cardinali, anche questa volta con un libro collettivo. Tra loro c' è il cardinale Sarah. Il libro si intitola Matrimonio e famiglia. Prospettive pastorali di undici cardinali. Uscirà a giorni in cinque lingue: inglese, italiano, francese, tedesco, spagnolo. I dieci autori: intanto, i due italiani Camillo Ruini, vicario emerito del papa per la diocesi di Roma e Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna.


Dall' India Baselios Cleemis Thottunkal, arcivescovo di Trivandrum dei Siro-Malankaresi; Josef Cordes, presidente emerito del pontificio consiglio Cor Unum; Dominik Duka, arcivescovo di Praga; Jacobus Eijk, arcivescovo di Utrecht; Joachim Meisner, arcivescovo emerito di Colonia; John Onaiyekan, arcivescovo di Abuja, in Nigeria; lo spagnolo Antonio María Rouco Varela, arcivescovo emerito di Madrid; Jorge Urosa Savino, arcivescovo di Caracas. Come ricorda il vaticanista Sandro Magister nel suo sito Settimo Cielo la «riscossa» arriva anche dall' Africa. Perché è vicina «l' uscita di un altro libro a più voci anch' esso finalizzato al Sinodo e i cui autori sono tutti africani». Il titolo, che è anche una sorta di manifesto: Africa, nuova patria di Cristo. Contributi di pastori africani al sinodo sulla famiglia. Anche in questo caso gli autori sono undici e tra di essi c' è sempre Sarah.
IL CARDINALE MARX In versione «aperturista», la già conosciuta posizione del cardinale Kasper ha raggruppato altrettanti agguerriti e convinti sostenitori. In prima fila la Conferenza episcopale tedesca, con il suo presidente, il cardinale Reinhard Marx. Seguiti e superati dai vescovi svizzeri. Anche qui si combatte a colpi di libri. In Svizzera, sempre quest' estate, è uscito un libro a più voci dal titolo Diversità di famiglie nella Chiesa cattolica. Storie e riflessioni. Tra i curatori Arnd Bünker, direttore dell' istituto svizzero di sociologia pastorale di San Gallo nonché segretario della commissione pastorale della conferenza dei vescovi svizzeri.
Bünker, come spiega ancora Magister, «è esponente di primo piano della Chiesa cattolica svizzera. È stato lui a scrivere per i vescovi del suo Paese, nel 2014, il rapporto preparatorio alla prima sessione del Sinodo», rapporto nel quale «non si salva praticamente nulla della dottrina e della pastorale attuale della Chiesa in materia di matrimonio». Nel libro citato si legge «che divorziati risposati e coppie omosessuali non si aspettano misericordia, ma il riconoscimento della bontà della loro condizione».
Dagli Stati Uniti, poi, arriva un' altra voce che fa scalpore.


È arrivato il momento che i sacerdoti cattolici abbiano la possibilità di sposarsi. A dirlo è stato il padre gesuita Michael J.
Garanzini, cancelliere della prestigiosa Loyola University di Chicago. «Sarebbe salutare, e poi vedo che papa Francesco sta aprendo i sentieri per la discussione», ha aggiunto Garanzini, convinto che la questione sarà posta durante il Sinodo. Il cancelliere dell' ateneo gesuita si riferisce in particolare all' Inghilterra, dove ci sono già «preti anglicani sposati che sono transitati alla Chiesa cattolica». Scontro in Vaticano Famiglia, immigrati, etica: al prossimo sinodo Francesco vuole cambiare tutto ma in Europa e in Africa cresce il fronte dei cardinali anti-Bergoglio. E Ratzinger elogia un leader dei ribelliLa guerra tra i due Papi.
CATERINA MANIACI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    08 Settembre 2015 - 10:10

    che la Chiesa comincia a sbarella' si vede con Begoglio Papa. Staremo a vedere, intanto preghiamo

    Report

    Rispondi

  • glascovia

    07 Settembre 2015 - 14:02

    Per me Ratzinger è ancora il vero Papa. Non c'era nessuna ragione perchè si dimettessi, oltre a squallidi complotti di 'Palazzo Vaticano.' Non dimentico mai un video che ho viso dovè Ratzinger, ancora Papa, porgeva la mano a un filo di cardinali, molti dei quali lo ignoravano, non prendendola. Mi ha fatto pena. Adesso ci siamo trovato con questo furbetto del quartiere. Fa paio con Renzi!

    Report

    Rispondi

  • oldpeterjazz

    07 Settembre 2015 - 14:02

    Per me è già troppo un Papa solo, figuriamoci due !! Basta con queste Religioni, hanno stancato; tutte. Propongono il "bene" e poi si scannano tra loro, contendendosi sul niente di concreto e tangibile. O forse, molto più probabilmente, contendendosi su quella maledetta bestia che si chiama "potere".

    Report

    Rispondi

  • redrascal

    07 Settembre 2015 - 08:08

    No, caro Joseph, non te ne dovevi andare borbottando banali scuse in latinorum. Hai visto in che mani ci hai lasciato e che deriva sta prendendo la Chiesa?. Se non altro dovevi farci intuire il vero motivo del tuo gesto. Ti avremmo apprezzato ed amato ancora di più. Comunque sei ancora in tempo per fare qualcosa. Pensaci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog