Cerca

La patrimoniale

Onu, Unhcr in debito chiede ai ricchi italiani di pagare 15mila euro

Onu chiede aiuti a milionari italiani

Per porre rimedio ai suoi conti in rosso e agli sprechi, in questo momento allerta massima per l'emergenza immigrazione, l'Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) ha chiesto aiuto ai milionari italiani lanciando loro un appello. "Se appena l’1% dei milionari italiani donasse 15.000 euro, l’unhcr disporrebbe di fondi sufficienti per assistere 22.000 famiglie siriane, riducendo il rischio che migliaia di bambini finiscano nella rete dei trafficanti di esseri umani", si legge nel documento. Una sorta di "auto-patrimoniale" sugli immigrati.

Perché chiedono aiuto - Una situazione critica, quella dei fondi dell'Unhcr che, nel solo 2015, ha avuto un calo del 10% delle donazioni raccolte rispetto al 2014. E questo è successo nel momento più critico, dove si ha una media giornaliera di 42 mila rifugiati che chiedono aiuto. Da qui la decisione di rivolgersi ai facoltosi italiani con tanto di caccia ai possibili filantropi donatori grazie a una spulciata tra le pagine del World Wealth Report. Ed ecco che i funzionari dell'Onu hanno trovato a chi rivolgersi. A ricevere l'appello, sono loro, i ben 219.000 italiani che possiedono più di un milione di euro. Fra questi, ci sono nomi come quello della famiglia Ferrero, di Leonardo del Vecchio, di Luxottica, di Giorgio Armani e di Silvio Berlusconi.

Famiglie in difficoltà - L'Unhcr sostiene di non pretendere poi molto considerando che una donazione di 15.000 euro è sufficiente per aiutare un totale di dieci famiglie siriane. "Chi ha la disponibilità economica di farlo, si deve assumere la responsabilità di agire concretamente per migliorare le condizioni di vita di migliaia di famiglie", ha poi ribadito Federico Clementi, responsabile della raccolta fondi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FabiettoFJ

    08 Settembre 2015 - 14:02

    Io propongo di tassare con un quinto dello stipendio tutti coloro che sono favorevoli all'ingresso indiscriminato in Italia di "clandestini, migranti e ciabattanti". Solo per i veri profughi di guerra sono pronto anch'io a dare il mio contributo.

    Report

    Rispondi

  • ValeryMonaco

    08 Settembre 2015 - 12:12

    Deve, imperativo categorico. Almeno avessero l'educazione di chiedere. Speriamo ricevano tanti no, quanti sono gli italiani ricchi.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    08 Settembre 2015 - 11:11

    ..altro che gli immigrati,pensano al loro stipendio che probabilmente non riceveranno!!!

    Report

    Rispondi

  • ilsodg

    08 Settembre 2015 - 11:11

    siamo al paradosso io non capisco ma nessuno pensa agli europei? altro che solidarietà questo e bisnes vedi la mercher

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog