Cerca

Condannato

Omicidio di Marta Russo, Giovanni Scattone insegnerà psicologia al liceo

Omicidio di Marta Russo, Giovanni Scattone insegnerà psicologia al liceo

Il professor Giovanni Scattone insegnerà Psicologia all'Istituto professionale Luigi Einaudi di Roma. Dopo due processi d'appello, un ricorso in Cassazione e la condanna per l'omicidio colposo di Marta Russo, uccisa da un proiettile partito dalla facoltà di Giurisprudenza della Sapienza il 9 maggio del 1997, l'ex assistente di filosofia del diritto, che si è sempre detto innocente e non è stato interdetto dall'insegnamento, ha superato il concorso a cattedra del 2012, classificandosi decimo nell'Ufficio Scolastico del Lazio e quindi, riporta il Corriere della Sera, grazie alla tornata di assunzioni della Buona Scuola, ha ottenuto la cattedra. Potrà insegnare Storia della filosofia, Psicologia e Scienze dell'educazione. 

Già nel 2011 si era tornati a parlare di Scattone quando gli fu assegnata una supplenza in Storia e filosofia al Liceo Cavour di Roma, lo stesso dove aveva studiato la povera Marta Russo. Dopo le polemiche abbandonò l'incarico e negli ultimi anni ha insegnato in diverse scuole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stefano.bright

    11 Settembre 2015 - 17:05

    Gabriella Alletto, un po' di rimorso ce l'hai?

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    09 Settembre 2015 - 02:02

    Scattone stava svolgendo una ricerca scientifica: un omicidio perfetto, studiato da una mente diabolica. Lurido bastardo. Mai interdetto dall'insegnamento, particolare che la dice lunga su come funzione la nostra presunta giustizia. Oggi insegna, vergogna!

    Report

    Rispondi

    • stefano.bright

      11 Settembre 2015 - 15:03

      Ti sei inventato un commento pieno di sciocchezze calunniose e spero che Scattone o Ferraro ti querelino.

      Report

      Rispondi

  • er sola

    08 Settembre 2015 - 20:08

    In questo cazzo di paese per trovare lavoro bisogna essere assassini. Vedi la franzoni, erika e tanti altri.

    Report

    Rispondi

  • antcarboni

    08 Settembre 2015 - 18:06

    E' stato condannato, ha scontato la sua pena. Basta lasciatelo in pace!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog