Cerca

Il libro

Il manifesto dei vescovi anti Bergoglio

Il manifesto dei vescovi anti Bergoglio

Un titolo manicheo, «Dio o niente». Sembrerebbe il contrario di quel che appare oggi la chiesa nell' era di Papa Francesco. Ma è il titolo di un libro-intervista con un principe della Chiesa, un cardinale. Uscirà da questo venerdì in tutta Italia per i tipi di Cantagalli, e contiene le conversazioni sulla fede che il giornalista francese Nicolas Diat ha avuto con il cardinale Robert Sarah, attuale prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, e già il più giovane vescovo del mondo a Conakry, in Guinea (scelto da Paolo VI e ordinato a soli 34 anni da Giovanni Paolo II). Il testo è già uscito in Francia e in Germania prima della traduzione italiana, e viene letto oggi come una sorta di manifesto contro la deriva ideologica del magistero, che sta raccogliendo gran parte della Chiesa mondiale alla vigilia del sinodo sulla famiglia. Lo ha già recensito il papa emerito Benedetto XVI, in una lettera inviata al cardinale Sarah dove si elogia «la sua coraggiosa risposta ai problemi della teoria di genere, che mette in chiaro in un mondo obnubilato una fondamentale questione antropologica». Anche per questo è stato letto in altri paesi come un manifesto alternativo alla Chiesa di Francesco.

Sarah è un cardinale, e vescovo di lunga esperienza, e non si contrappone in questo dialogo che si snoda per 373 pagine al Papa. Cita in continuazione Francesco, e se a qualcosa si contrappone è all' immagine mediatica del Pontefice che ormai è largamente diffusa nel mondo, a una interpretazione del pontificato che cozza duramente contro i testi scritti di Francesco (anche quelli quotidiani della messa mattutina di Santa Marta), che nessuno legge e divulga. Manifesto però «Dio o niente», lo è: sulla purezza primigenia della liturgia, sulla indissolubilità del matrimonio, sul celibato dei preti, sul ruolo che la storia della Chiesa ha assegnato alle donne, sull' intangibilità della vita che non è proprietà di nessuno, nemmeno di una madre. E sulla famiglia, questione cruciale su cui il cardinale Sarah avverte alla vigilia del Sinodo: «Pongo la mia fiducia nella fedeltà di Francesco». Un modo per dirsi sicuro della fedeltà del Papa alla Chiesa, alla sua storia, alla dottrina che nasce nelle pagine del Vangelo. Un modo certamente duro, un po' choc di guardare al Papa.

«Pongo la mia fiducia nella fedeltà di Francesco». Ricordando che «a Manila il suo discorso sulla famiglia è stato particolarmente forte», e citando le parole pronunciate allora da papa Bergoglio: «Stiamo attenti alle nuove colonizzazioni ideologiche. Esistono colonizzazioni ideologiche che cercano di distruggere la famiglia. Non nascono dal sogno, dalla preghiera, dall' incontro con Dio, dalla missione che Dio ci dà, vengono da fuori e per questo dico sono colonizzazioni».

Il cardinale Sarah non si nasconde dietro un dito: nel libro-intervista fa capire come la battaglia del Sinodo sulla famiglia sia cruciale, e che molte tesi, a partire da quelle del suo collega cardinale Reinhard Marx, sui divorziati risposati non sono «una sfida urgente per le chiese di Africa e di Asia». L' urgenza «è quella di formare famiglie cristiane solide». Di più: «l' idea che consisterebbe nel porre il magistero in un bello scrigno distaccandolo dalla prassi pastorale, che potrebbe evolversi in base alle circostanze, alle mode e alle passioni, è una forma di eresia, una pericolosa patologia schizofrenica». Da africano Sarah aggiunge: «Vorrei affermare con solennità che la Chiesa di Africa si opporrà fermamente a ogni ribellione contro l' insegnamento di Gesù e del magistero». «Oggi, la Chiesa di Africa si impegna in nome del Signore Gesù a mantenere invariato l' insegnamento di Dio e della Chiesa sull' indissolubilità del matrimonio: l' uomo non separi, quello che Dio ha unito. Come potrebbe un sinodo ritornare sull' insegnamento costante, coerente e profondo del Beato Paolo VI, di san Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI?».


I divorziati. «Sono numerosi oggi i cattolici», spiega il cardinale Sarah, «che sono ricorsi al divorzio secondo la legge civile e che contraggono civilmente una nuova unione. La Chiesa mantiene, per fedeltà alla Parola di Gesù Cristo, la sua posizione: non è possibile riconoscere come valida una nuova unione se lo era il primo matrimonio. I divorziati che si sono risposati civilmente si trovano in una situazione che contravviene oggettivamente alla legge di Dio. Pertanto, non possono accedere alla comunione eucaristica per il tempo in cui persiste questa situazione. Per le stesse ragioni, questi uomini e queste donne non possono esercitare alcuna responsabilità ecclesiale».


Francesco e i divorziati. L' intervistatore ricorda però che una delle novità di papa Francesco è proprio quella di chiedere più attenzione alla realtà, che «è più importante dell' idea». Sarah come sempre inizia in modo diplomatico, trattando del Papa, ma poi ha parole nette e di una durezza non comune: «Penso che Francesco», esordisce, «desideri ardentemente dare alla Chiesa il gusto del reale, nel senso che i cristiani e anche i preti possono talvolta avere la tentazione di nascondersi dietro le idee per dimenticare le situazioni reali delle persone». E subito affonda: «Al contrario, alcuni si preoccupano che questa concezione del Papa possa mettere in pericolo l' integrità del magistero. Il recente dibattito sulla problematica dei divorziati risposati è stato spesso trascinato da questo tipo di tensioni.

Da parte mia, non credo che il pensiero del Papa sia mettere in pericolo l' integrità del magistero. In effetti, nessuno, nemmeno il Papa, può distruggere nè cambiare l' insegnamento di Cristo. Nessuno, neanche il Papa, può opporre la pastorale alla dottrina. Sarebbe ribellarsi a Gesù Cristo e al suo insegnamento».

Gender. Sarah è stato vescovo in un regime comunista per lunghi anni, e considera il comunismo come uno dei grandi mali della storia dell' uomo. Ovvio che abbia parole dure e nette contro la teologia della liberazione, che pure affascina ancora oggi molti presuli. Ma le parole più dure e non molto di moda nella chiesa di oggi vengono sui valori non negoziabili e sulla teoria gender.
«Non ho timore di dire che la Chiesa dovrà sempre confrontarsi con le menzogne ideologiche. Oggi si trova ad affrontare l' ideologia del gender, che Giovanni Paolo II non esitava a qualificare come la "nuova ideologia del male". D' altronde, il genere, frutto della riflessione degli strutturalisti americani, è un figlio deforme del pensiero marxista».
E ancora: «L' ideologia del gender veicola una menzogna grossolana dal momento che nega la realtà dell' essere umano in quanto uomo e donna. Le lobby e i movimenti femministi la promuovono con violenza. Si è rapidamente trasformata in battaglia contro l' ordine sociale e i suoi valori. Il suo obiettivo non si ferma soltanto alla decostruzione del soggetto, s' interessa soprattutto alla distruzione dell' ordine sociale. Si tratta di seminare il dubbio sulla legittimità delle norme sociali e d' introdurre il sospetto circa il modello eterosessuale; per il gender, bisogna abolire la civiltà cristiana e costruire un mondo nuovo».

Più in là ancora: «La Santa Sede deve fare la sua parte. Non possiamo accettare la propaganda e i gruppi di pressione delle lobby LGBT - lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Il processo è tanto più inquietante in quanto è rapido e recente (…) I primi nemici delle persone omosessuali sono proprio le lobby LGBT. È un grave errore ridurre un individuo ai suoi comportamenti, nello specifico sessuali».

Ruggito del cardinale Sarah: «Nemmeno il Papa può cambiare l' insegnamento di Cristo» Da venerdì anche in Italia il libro elogiato da Ratzinger Il manifesto dei vescovi anti Bergoglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    09 Settembre 2015 - 18:06

    Questo papa è la peggior sciagura che si potesse avere, talmente incapace (o forse no) da essere causa primaria di distruzione della nostra cultura e della nostra storia. Se ha tanto trasporto per africani e islamici se ne vada a predicare in africa o in medio oriente, di uno così non sappiamo che farcene.

    Report

    Rispondi

  • franceschiello

    09 Settembre 2015 - 18:06

    Personalmente ho dato l'8 per mille alla Chiesa Ortodossa. Sono sempre più schifato di questo Berghy che abbraccia calorosamente il sindaco Marino qualche giorno dopo che lo stesso aveva dichiarato di voler sposare i gay o che paragona le famiglie numerose ai conigli o che si pone in dolce colloquio con Scalfari ( mica per convertirlo ma per fargli da sponda) e così via.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    09 Settembre 2015 - 16:04

    ...se la Chiesa cattolica non rivede alcune "predicazioni" perderà sempre più consensi a vantaggio dell'Islam,che incomincia a piacere a molti.....

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    09 Settembre 2015 - 14:02

    quanta nostalgia!! quando la chiesa cattolica era solo un motore di voti per la destra italiana, e una fabbrica di soldi esentasse

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog