Cerca

Delitto

Omicidio ad Asti, marocchino uccide la moglie italiana e ferisce il suocero

Omicidio ad Asti, marocchino uccide la moglie italiana e ferisce il suocero

Rahhal Fantasse, 40 anni, marocchino, ha ucciso a coltellate la moglie, Anna Carlucci, di 47, nella loro casa ad Asti. L'uomo ha anche ferito il suocero. L'allarme è stato lanciato da una vicina di casa, che aveva sentito le urla della donna e l'uomo è stato subito arrestato dai carabinieri.

La donna faceva la badante mentre il marito è disoccupato. I due hanno un figlio di 9 anni che al momento dell'omicidio era a scuola. Secondo alcune testimonianze la loro era una famiglia tranquilla e nessun vicino li aveva mai sentiti litigare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • etano

    15 Settembre 2015 - 09:09

    La vittima ha meritato in pieno ciò che le è accaduto, ha voluto sposare un marcio islamico marocchino? Ed ecco le conseguenze. Ribadisco che se l'è meritato così come si meriterebbero la stessa fine quelle dementi italiane che frequentano o sposano la feccia islamica. Chi non ha colpa è il figlio che però essendo figlio di un islamico diventerà delinquente come il padre.

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    14 Settembre 2015 - 21:09

    Questo è l arricchimento culturale di cui apportatori i musulmani

    Report

    Rispondi

  • cicalino

    14 Settembre 2015 - 19:07

    Mogli e buoi dei paesi tuoi...!

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    14 Settembre 2015 - 19:07

    un mussulmano che uccide, picchia la moglie o si porta i figli nel suo paese è cosa normale, gli infedeli vanno trattati così, è scritto nel corano. Bisogna capirli e rispettare le loro usanze; lo dice anche la boldrini. Appena saranno un pò di più bisognerà garantirgli 4 mogli, molte chiese diverranno moschee e il diritto di vita e di morte a chi si azzarda a criticare il profeta, etc etc.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog