Cerca

La testimonianza

Processo Yara, in aula parla la sorella Keba: "Mai visto Bossetti"

La sorella di Yara:

Oggi in aula è stata la volta di Keba, la sorelle di Yara Gambirasio. La ragazza ha detto di non aver mai visto Massimo Bossetti, accusato dell'omicidio della tredicenne di Brembate.

La sorella - Keba ha sostanzialmente confermato il profilo della sorella tracciato la scorsa settimana dai genitori. Ha detto che il rapporto con Yara era del tutto normale e se avesse avuto un approccio con chiunque l'avrebbe saputo. Quando gli avvocati di Bossetti le chiedono del diario di Yara, Keba risponde che l'unico che aveva era quello di scuola. Sul contenuto la ragazza ha detto di non avere dubbi: "c'erano solo cose di scuola, lo so perchè lo leggevo per controllare che Yara facesse i compiti". Smontate quindi le insinuazioni degli avvocati della difesa su un possibile diario segreto con contenuti utili alle indagini.

Il testimone - Ha testimoniato anche Fabrizio Francese, che incrociò Yara all'uscita della palestra il 26 novembre 2010. L'uomo era andato a prendere la figlia della sua compagna e ricorda che Yara stava uscendo dalla struttura sportiva alle 18:40. Francese, che è stato l'ultimo a vedere Yara prima che sparisse, ha detto di non aver notato alcun furgone vicino la palestra e di non conoscere Bossetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giampaolo

    18 Settembre 2015 - 14:02

    Speriamo che alla resa dei conti non esca fuori che l'arresto di Bossetti finisca per rivelarsi come l'ennesimo caso di grave "malagiustizia italiana" in cui si addita e si cerca di condannare a tutti i costi un innocente percui paga anni di galera gratuita, distruzione della propria vita oltre a quella della famiglia per l'ignoranza, incompetenza e presunzione di certi magistrati e investigatori

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    18 Settembre 2015 - 14:02

    un indizio dietro l'altro che allontanano sempre più Bossetti dalla scena del delitto. Mentre invece gira e rigira la pista del cantiere è sempre li a spuntar fuori. La difesa ha chiesto il diario solo per capire meglio la personalità dell'adolescente e nulla più. In sostanza la probabilità di conoscere Bossetti non era proprio possibile, di conseguenza decade che Yara sia salita sul furgone

    Report

    Rispondi

blog