Cerca

L'omicidio Gambirasio

Yara, c'era un uomo misterioso nel campo dove fu trovato il cadavere

Yara, c'era un uomo misterioso nel campo dove fu trovato il cadavere

Dopo aver ritrovato il cadavere di Yara in mezzo ad un campo a Chignolo d’Isola (Bergamo) il 26 febbraio 2011 "ho visto un uomo che aveva parcheggiato la macchina vicino ad una stradina all’inizio del campo. Era un uomo di circa 55 anni e indossava un giubbetto del tipo che usano i pensionati". Lo ha ricordato Ilario Scotti, l’aeromodellista di Bonate di Sotto (Bergamo) che ha ritrovato il corpo della ragazzina scomparsa il 26 novembre 2010 da Brembate. "Il signore era poco più alto della sua utilitaria - ha aggiunto - ed è salito su un panettone di cemento che delimitava il campo. Ha guardato nella mia direzione per circa 10 minuti, poi ha preso al macchina ed è andato via".

Scotti ha anche ricostruito come ha trovato il corpo della ragazzina scomparsa. "Ho lanciato il mio aeromodello ma avevo il vento contrario e il mio apparecchio ha fatto una lunga virata verso destra" per poi precipitare a circa 200 metri dall’inizio del campo. A qual punto Scotti si è addentrato sul terreno "incolto, pieno di erbacce e di rovi" e ha cercato di recuperare il suo modellino. "Quando l’ho preso, mi sono girato e due o tre metri ho visto quello che a prima vista mi è sembrato un mucchio di stracci. Poteva esserlo, ma non lo era. Era un corpo", ha spiegato. A quel punto ha chiamato il 113 e ha atteso l’arrivo della polizia, senza allontanarsi troppo per timore di perdere di vista la posizione dove si trovava il cadavere di Yara.

"La vegetazione era alta tutto intorno al corpo - ha concluso - già un metro più in là e non lo si vedeva più". Scotti ha ricordato che l’uomo, "che era calvo", si "è allontanato quando hanno iniziato a sentirsi le sirene". Poco prima Scotti aveva spiegato che quando aveva chiamato il 113, gli era stato chiesto di descrivere il corpo che aveva appena trovato. "Mi hanno chiesto: di che colore ha le scarpe? Nere, ho risposto. E il giubbotto? Nero. Ha una sciarpa? Sì, marrone". A quel punto, ha spiegato l’impiegato con la passione per gli aeromodelli, "mi hanno detto di non muovermi da lì che sarebbero arrivati subito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zydeco

    18 Settembre 2015 - 21:09

    Piano piano tutto l'impianto accusatorio va in pezzi, perche' basato sul niente. Bossetti, probabilmente innocente, verra' condannato in primo grado e assolto in appello. I giudici faranno carriera e Bossetti restera' con la vita rovinata. Proprio come il caso Tortora. In Italia non cambia mai niente.

    Report

    Rispondi

    • DoctorMR

      19 Settembre 2015 - 23:11

      Mi piacerebbe sapere che cosa la conduce a dedurre che Bossetti sia innocente.

      Report

      Rispondi

  • veneziano49

    18 Settembre 2015 - 20:08

    ..strano che la ragazzina avesse ancvora le scarpe se è stata trascinata li....eppoi questa storia delle sue tre amiche che improvvisamente dimenticano quanto detto nelle deposizioni ...tre amiche per la pelle...e nesuna si ricorda nemmeno quella che ricevette l'ultimo messaggio della povera ragazza...

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    18 Settembre 2015 - 16:04

    quindi si dovrebbe suppore che questo uomo basso e calvo sapesse che Ilario Scotti quella mattina sarebbe andato al campo di Chignolo e guarda caso l'aeroplanino andava a infilarsi in mezzo alle erbacce a due metri dal corpo di Yara e costui per 10 minuti è stato a guardare proprio quel punto. Intanto cosa avrebbe visto da lontano con tutte quelle erbacce? poi strano al sentire le sirene scappa.

    Report

    Rispondi

    • gio52

      20 Settembre 2015 - 18:06

      probabilmente l'uomo basso e calvo andava spesso in quella zona e per caso , in quel giorno ,nello stesso orario dell'aeromodellista

      Report

      Rispondi

  • cicalino

    18 Settembre 2015 - 16:04

    Cronica incapacità giudiziaria ed investigativa, dopo anni non si è ancor cavato un ragno dal buco e la storia si attorciglia su sé stessa...Non oso pensare all'eventuale innocenza di Bossetti e della sofferenza provocata. Chi si fida più di una giustizia italiana che statisticamente premia e delinquenti e mortifica le vittime ?!

    Report

    Rispondi

    • bcsw.05

      20 Settembre 2015 - 10:10

      La disgrazia è che a volte aggiunge vittime.

      Report

      Rispondi

blog